Oscar 2020: le candidature italiane premiano Napoli

0
332
Oscar 2020

La 92ª cerimonia di consegna degli Oscar, presentata dall’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, si terrà il 9 febbraio 2020 al Dolby Theatre di Hollywood (USA). Il Premio Oscar – o Academy Award – è il riconoscimento cinematografico più prestigioso e ambito del settore. In Italia è già periodo di scelte importanti per la miglior rappresentanza possibile. LANICA Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive – ha reso noti i cinque lungometraggi candidati agli Oscar 2020. Una scrematura significativa: l’anno scorso erano addirittura ventuno i titoli in lizza per l’Italia.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli conquista Venezia in occasione della 76° Mostra del cinema

Oscar 2020: cinque pellicole rappresenteranno l’Italia nella notte delle stelle

Oscar 2020L’italica cinquina è composta da lungometraggi distribuiti dal 1 ottobre 2018 al 30 settembre 2019. Ecco i titoli:

  • Martin Eden di Pietro Marcello;
  • La paranza dei bambini di Claudio Giovannesi;
  • Il vizio della speranza di Edoardo De Angelis;
  • Il primo re di Matteo Rovere;
  • Il traditore di Marco Bellocchio.

Vediamo nel dettaglio le candidature, tra sorprese e conferme del cinema italiano. “Martin Eden”, in anteprima il 2 settembre 2019 alla 76ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, porta in dote una Coppa Volpi per l’interpretazione straordinaria del protagonista Luca Marinelli.
La paranza dei bambini annovera riconoscimenti incredibili, come l’Orso d’Argento per la migliore sceneggiatura al Festival del cinema di Berlino. “Il traditore” ha incassato circa 1.450.000€ alla sua prima settimana mentre sono tre i Nastri d’Argento per “Il primo re” nel 2019, apprezzato dalla critica e considerato kolossal italiano. “Il vizio della speranza” ha ottenuto riconoscimenti importanti al Tokyo International Film Festival, nella Festa del Cinema di Roma e ai David di Donatello dell’Accademia del Cinema Italiano.

Ti consigliamo come approfondimento – Oscar 2019, è stata la notte di Rami Malek e Green Book

Oscar 2020: Hollywood potrebbe parlare napoletano

napoliCurioso e indicativo è che tre fra i cinque film papabili siano legati alla città di Napoli. Le riprese di “Martin Eden” sono cominciate lo scorso anno tra Torre Annunziata e Santa Maria la Fossa. La sceneggiatura racconta la Napoli dei primi anni del ventesimo secolo.

“Il vizio della speranza”, invece, mostra una storia toccante, raccontata con maestria dal suo regista napoletano.

Una Napoli vera e cruda è quella de “La paranza dei bambini”: il film, adattamento cinematografico del romanzo di Roberto Saviano, è in napoletano. Vanta un cast meravigliosamente partenopeo e talentuoso.

Ti consigliamo come approfondimento – Picentia Short Film Festival, il grande debutto nel nome della legalità

La Napoli cinematografica emerge e “sogna”

Oscar 2020Gli Oscar 2020 sono ancora lontani. Solo un lungometraggio tra i cinque pronti potrà concorrere. L’attesa non sarà lunga: l’ANICA si riunirà il 24 settembre per eleggere l’unico rappresentante italiano. Il vincitore dovrà scontrarsi con una concorrenza straniera spietata: film come “Dolor y Gloria” di Pedro Almodovar o l’atteso “Parasite” di Bong Joon-Ho.

Una gara intensa quella tra i cinque meravigliosi candidati italiani, tra cui spiccano tre immense produzioni napoletane, per ispirazione o per ambientazione storica. A tutte va il nostro augurio, pur non potendo negare l’orgoglio per Napoli e i suoi figli, premiati dal cinema italiano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here