Papà dona polmone al figlio di 5 anni: è il primo caso di trapianto vivente in Italia

0
635
Papà dona polmone

Papà dona polmone al figlio di 5 anni. Una notizia tanto bella quanto storica. Infatti si tratta del primo trapianto da vivente in Italia. L’operazione si svolge a Bergamo, all’ospedale Giovanni XXIII. Il bimbo in questione è affetto da talassemia e per questo motivo il padre aveva già donato lui il midollo. Tuttavia la donazione ha causato una reazione che ha causato un danno polmonare irreversibile. Così il padre ha donato a suo figlio anche un polmone.

Ti consigliamo come approfondimento – Litigano per il nome da dare al bambino: padre incendia furgone della suocera!

Papà dona polmone: un gesto bello e storico

Papà dona polmone, Milano ladri tetti, rifugiata ucraina morta,Ciò che avviene all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo è un evento storico, così come bellissimo. Il primo trapianto da vivente in Italia. Un padre che dona il proprio polmone al figlio. Tutto nasce in seguito alla malattia riscontrata nel bimbo di 5 anni, affetto da talassemia. Tuttavia, l’intervento della donazione del polmone è una conseguenza ad un altro trapianto che il bimbo ha ricevuto. Infatti il padre aveva già donato lui il midollo, ma la donazione ha scatenato quella che si chiama genericamente “malattia da trapianto”.

Ti consigliamo come approfondimento – Shock, bimbo di 3 anni scappa di casa mentre il papà gioca ai videogame: la moglie vuole il divorzio!

Papà dona polmone: la malattia da trapianto

Papà dona polmone, bonus tiroide leucemia integratori sla cancro sanità digitaleQuella che generalmente viene definita come “malattia da trapianto” è una malattia che colpisce il corpo ospite. Le cellule trapiantate infatti una volta all’interno attaccano gli organi dell’ospitante. Ciò ha causato nel bambino un danno polmonare irreversibile. Per questo il padre ha deciso di sottoporsi ad un’altra donazione. Questa volta darà a suo figlio un suo polmone. I medici si dicono fiduciosi seppur si tratta di un intervento decisamente complesso da eseguire.

Ti suggeriamo come approfondimento – Svolta nel caso Saman Abbas, spunta un audio dove il padre confessa: “Ho ucciso mia figlia”

Papà dona polmone: il parere del direttore Cardillo

Papà dona polmone, Urbino incidente donna incinta, Pompei cardiologo molesta pazienti, Padova Tablet esplode, Milano vigili Ferrari, ponza pronto soccorso, vaiolo scimmie barletta, bari chirurgo infarto, neonato 370 grammi,manichetti lockdown no vax,A commentare i fatti è il direttore del centro nazionale trapianti Massimo Cardillo. “Occorre ancora molta tutela” afferma. “Si tratta di un intervento estremamente complesso eseguito in un centro che ha grande esperienza nel trapianto pediatrico e polmonare”. A dimostrazione del fatto che: “La trapiantologia in Italia rappresenta un’eccellenza”. Sull’intervento: “Tutto sta andando secondo le aspettative. Siamo in attesa che venga sciolta la prognosi del piccolo ricevente e del suo donatore”. Riguardo ai precedenti in Europa i casi sono tanto rari quanto sporadici.