Parto con ventosa, bimba morta a Milano: possibile omicidio colposo

0
1476
parto con ventosa Alessandra De Rosa morta,

È shock all’ospedale San Paolo di Milano dove una neonata è morta dopo poche ore da un parto con ventosa. La gravidanza era proseguita senza complicazioni, per questo adesso i medici sono accusati di omicidio colposo. È quanto riporta la testata “il Giorno” di Milano secondo cui per ora c’è solo un fascicolo d’indagine verso ignoti. Ma andiamo a vedere meglio cosa è successo.

Ti consigliamo come approfondimento – Alessia muore a 23 anni in A14, l’ultima chiamata al fidanzato: “Chiedeva aiuto. Poi il SUV l’ha centrata”

Parto con ventosa, ecco cos’è e quando viene usato

Parto con ventosa, Bimbo chiuso macchina metroInnanzitutto definiamo che cos’è questa ventosa: è una ventosa ostetrica, a forma di coppetta, che serve per facilitare il parto vaginale naturale. È quindi una assistenza forzata del parto. La ventosa fatta a forma di coppetta aderisce alla testa del corpo che deve uscire tramite aspirazione e così favorisce la rotazione (dove serve) e l’espulsione del feto.

La si usa in particolar modo se la madre esaurisce le forze o se si arresta il travaglio. Come ogni tecnica, ha anche le sue controindicazioni: è sconsigliata in caso di dilatazione insufficiente o di parto prematuro (mano di 32 settimane). Il parto con ventosa va considerato come una delle ultime risorse prima di ricorrere al taglio cesareo; quest’ultima resta una operazione vera e propria e per questo è extrema ratio in caso di parto.

Ti consigliamo come approfondimento – Tragedia, 28enne partorisce e muore poco dopo senza vedere la figlia

Parto con ventosa, ecco cos’è accaduto al San Paolo di Milano

ponza pronto soccorso, vaiolo scimmie barletta, proiettile ano, campania medici contro regione, cosenza prof morto, vaiolo scimmie italia,pistoia ospedale incendio,La neonata è morta per le conseguenze di un gravissimo debito d’ossigeno avvenuto dopo il parto.
L’anoressia le avrebbe devastato gli organi interni e non le avrebbe lasciato scampo.

Secondo una prima consulenza (il fatto è avvenuto un anno fa), una serie di manovre errate da parte dei medici al momento del parto avrebbero dovuto portare a un cesareo d’urgenza.
I medici avrebbero scelto invece di utilizzare un parto con ventosa.
La ventosa, applicata con eccessiva energia sul cranio della bimba avrebbe provocato i danni irreparabili che l’hanno poi portata alla morte.

Ti consigliamo come approfondimento – Diana Pifferi, l’ultimo saluto alla bambina

Inutili i tentativi di rianimazione alla Clinica Mangiagalli. La denuncia è partita dalla madre, una 36enne che aveva avuto una gravidanza tranquilla. Si aspetta adesso la chiusura delle indagini della procura.