Paziente Omicron con due dosi di vaccino: spostamenti in tre regioni, tra viaggi in auto e hotel

0
321
paziente omicron

Il paziente Omicron porta in Italia la variante africana circa 17 giorni fa, con spostamenti in tre regioni e viaggi in auto e in hotel. È un dipendente Eni, campano, vaccinato con due dosi che era partito per il Mozambico e rientrato in Italia l’11 novembre. Ora è in quarantena con i cinque membri della sua famiglia.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid, variante africana sempre più forte: l’Italia vieta l’ingresso da 7 Paesi

Paziente Omicron, il primo caso accertato in Italia

Effetti post Covid; paziente omicronIl primo caso (o almeno il primo accertato) in Italia di variante Omicron è stato appena identificato grazie al sequenziamento all’Ospedale Sacco di Milano (la conferma definitiva a giorni). È dunque un uomo residente nel casertano e dipendente dell’Eni, rientrato in Italia, dal Mozambico, lo scorso 11 novembre. Il tracciamento è avvenuto tramite l’Ats di Milano e grazie a un controllo di routine già programmato, per questo il rientro in Italia. C’è da dire però che le condizioni dell’uomo alla partenza erano buone, di fatto non presentava sintomi, risultava negativo al Covid-19 ed era pronto a ripartire.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino ai bambini under 11, Ema dice sì: dosi Pfizer in arrivo a dicembre

Paziente Omicron, gli spostamenti

Pasqua viaggi estero, eitan israele; paziente omicronPassato suo malgrado alla “storia” come il “paziente zero” della variante africana, il Corriere della Sera, attraverso le notizie apprese è riuscito a ricostruire i suoi spostamenti. Sembrerebbe che dall’atterraggio a Fiumicino avvenuto l’11 novembre, l’uomo abbia raggiunto la sua famiglia (composta da moglie, 2 figli e i 2 suoceri) in auto a Caserta. Sarebbe poi ripartito il 15 novembre per Milano, dove doveva sottoporsi alla visita programmata, avrebbe poi alloggiato in hotel mangiando a distanza nella sala della colazione e il giorno dopo si sarebbe recato presso la struttura sanitaria per il controllo. L’uomo in fine, si sarebbe rimesso in auto alla volta di Fiumicino per imbarcarsi nuovamente per il Mozambico, ma qui avrebbe ricevuto la chiamata del medico della struttura che lo informava della positività.

Ti consigliamo come approfondimento – Super Green pass approvato, obblighi e restrizioni per novax: cosa cambia

Paziente Omicron, buone le condizioni di salute

Allo stato attuale, l’uomo e la sua intera famiglia si trova in quarantena con lievi sintomi. Il suo viaggio a più tappe non dovrebbe aver prodotto “vittime”, oltre i familiari, almeno queste le notizie fino a ora. La regione ieri ha certificato che “non sono stati identificati al momento contatti positivi in Lombardia”. Intanto è allarme per i viaggiatori di rientro dall’Africa Australe.

Noi ci chiediamo: e gli altri passeggeri del volo del “paziente zero”? Sono stati identificati e controllati?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × quattro =