Presunto pedofilo si impicca, prima però chiama la mamma: “Ho fatto una cazzata”

0
734
pedofilo suicidio

Pedofilo suicidio, a Guspini in provincia di Cagliari, l’uomo di 30 anni prima del gesto estremo ha chiamato la madre in cui le avrebbe detto di “aver fatto una cazzata”. Sul posto oltre alle Forze dell’Ordine anche i soccorsi che sono arrivati troppo tardi. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Bomba a Pomigliano D’Arco: esplode ordigno nella notte e danneggia palazzo

Pedofilo suicidio: l’accusa di molestia su minore 

Uomo molesta minorenne, pedofilo suicidio La scelta del gesto estremo sarebbe avvenuta in seguito ad un post su Facebook. Il padre dei due minori che sarebbero stati molestati dal 30enne ha pubblicato una foto dei genitali dell’uomo sul gruppo del paese. Il padre dei sue piccoli avrebbe raccontato che l’uomo sa sarebbe avvicinati a loro che stavano facendo una passeggiata. Senza preavviso si sarebbe denudato davanti ai due bambini. L’uomo ha descritto il 30enne e anche il modello della sua auto. Il post è diventato virale e la segnalazione è arrivata in poco tempo a tutti i cittadini del paese. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, la Banda del Buco colpisce ancora: bottino da 100.000 €, svaligiata un’altra banca

Pedofilo suicidio: la denuncia ai carabinieri 

pomigliano e baby gang, pedofilo suicidio
Ph dalla pagina ufficiale Facebook della Polizia di Stato

L’uomo dopo l’accaduto si è diretto dai Carabinieri per sporgere formale denuncia all’uomo. “Mi sono fatto un giro per le vie del paese, grazie alle riprese di una telecamera privata sono riuscito ad individuare l’automobile. Mi hanno contattato altri genitori, raccontandomi che anche i loro figli hanno vissuto la stessa situazione capitata ai miei piccoli”. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Foggia, scandalo per diversi appalti truccati per i servizi dell’ospedale. Arrestate 4 persone

Pedofilo suicidio: la chiamata alla madre prima del folle gesto 

padova incidente laurea, ragazzo suicida 64enne, pianura suicidio, africa sequestrato, orientale esami covid, figlia padre cappio, pedofilo suicidio L’uomo in poco tempo è stato riconosciuto e sui social nonché dal vivo si è scatenata la gogna mediatica. Le accuse e la denuncia sarebbero stati troppo e il 30enne avrebbe optato per il suicidio. Prima di impiccarsi però ha chiamato la mamma. Sembrerebbe essere stata una telefonata breve in cui il 30enne racconta di aver fatto una cazzata poi stacca il telefono e si uccide.