Pensioni, giovani precari e sottopagati: a lavoro oltre i 70 anni?

0
1173
Pensioni giovani

Pensioni giovani: ventenni, trentenni e quarantenni sono lontani dall’età pensionabile. E chi ci arriva, potrebbe recepire un assegno povero. È questa la generazione della “Quota zero”: un vasto esercito di precari, giovani e meno giovani, che vivono nell’instabilità. Nel migliore dei casi, i baby boomer dei nostri giorni potrebbero vedere la pensione dopo il 2050. Cioè, dopo la soglia dei 70 anni.

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus facciate addio, nessun rinnovo: cosa accadrà ai lavori in corso

Pensioni giovani: cosa sta accadendo al mondo del lavoro?

Pensioni giovaniPensioni giovani – Mentre il Governo è impegnato a discutere tra Quota 100 e Legge Fornero, in Italia è sempre più dilagante il fenomeno della “Quota zero”. È un vasto insieme di cittadini, giovani e meno giovani, riconosciuto anche come “Fuori quota” o “Senza Quota”. A questo gruppo, messo nel dimenticatoio, appartengono tutti coloro che vanno dai 18 ai 40 anni. I ventenni risultano precari, i trentenni e i quarantenni sono sottopagati.

La generazione della “Quota Zero” vive in uno stato di flessibilità precaria, dove mini contratti e paghe irrisorie sono un costante ostacolo alla carriera. Questo mix genera insicurezza e ritardo nell’accumulo dei contributi. È per questo motivo che la pensione diventa sempre di più un miraggio.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino obbligatorio? Non fino al 2023. Draghi si metta il cuore in pace

Pensioni giovani: oltre i 70 nel migliore dei casi

Pensioni giovaniPensioni giovani – La situazione è molto particolare per tutti coloro che hanno iniziato a lavorare a partire dalla fine degli anni novanta. Stando ad uno studio di Smileconomy, riportato da Repubblica, i lavoratori dai 35 ai 40 anni potranno avere particolari ripercussioni. Se iniziassero a versare contributi a 25 anni, e con una carriera senza troppi intoppi, andrebbero in pensione tra i 68 e i 72 anni. In questo caso, l’assegno equivarrebbe al 55% dell’ultimo stipendio percepito. I 25enni di oggi, invece, hanno la probabilità di andare in pensione tra i 69 e i 73 anni.

In caso di carriera discontinua e con vuoti contributivi, o con la fine del lavoro a 60 anni, l’assegno pensionistico crollerebbe al 40%.

Ti consigliamo come approfondimento – Allarme UE, rubati codici per generare Green Pass: annullati tutti i certificati

Pensioni giovani: oltre il 2050?

Pensioni giovaniPensioni giovani – L’età pensionabile dipende molto dalla speranza di vita. L’Istat rivede questo parametro ogni due anni. Dipende dall’avanzamento della tecnologia, dai miglioramenti in campo medico e dalla presenza di pandemie o altri cataclismi. Nel 1976, la speranza di vita era fissata a 79,9 anni. Nel 2019 era di 86 anni e il Covid l’ha fatta crollare a 84,9 ani.

I nati dopo il 1996, rispetto ai predecessori, non hanno quota, né integrazione al minimo. Per la pensione, riceveranno un assegno pari al 60% del loro ultimo stipendio. Nel caso in cui l’assegno fosse basso per mancanza di contributi, dovranno lavorare alcuni anni in più. In poche parole, chi guadagna di più tenderà a lavorare di meno; chi guadagna di meno, invece, sarà costretto a lavorare di più se vuole avere un assegno più dignitoso.

I venticinquenni di oggi dovranno andare in pensione quattro anni dopo. L’età di uscita oscillerà, quindi, tra i 71 e i 77 anni di età.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

8 − quattro =