Pensioni: previsto l’aumento dell’assegno di invalidità fino a circa 651 euro

0
221
pensioni

Il decreto Agosto, entrato da poco in vigore, è diviso in 8 aree tematiche. Tra incentivi, disposizioni, aiuti e bonus prevede anche l’aumento delle pensioni di invalidità civile al 100%. Le persone di età pari o superiore a 18 anni che percepiscono un assegno di invalidità totale, beneficiano di un aumento dell’assegno mensile da 285 euro a circa 651 euro.

Ti consigliamo come approfondimento – Dpcm: Conte e il decreto notturno che vieta feste private e sport

Il 5,2% degli Italiani è disabile e usufruisce delle pensioni

pensioni Il Decreto Legge 14 agosto 2020, n. 104 tratta le misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia. In queste anche il nodo pensioni per gli invalidi totali ha la sua parte. Secondo i dati Istat, in Italia sono 3,1 milioni le persone disabili, il 5,2% della popolazione. Le persone con gravi limitazioni sono 1,5 milioni e hanno più di 75 anni. Quanto al genere, il 60% delle persone disabili in Italia sono donne.

Ti consigliamo come approfondimento – Coronavirus: il piano segreto del governo. Facciamo chiarezza

Decreto Agosto: il raddoppio delle pensioni

pensioni

Previsto l’aumento pensionistico anche per gli inabili, sordi e ciechi civili assoluti titolari di pensioni. Si passa dai circa 285 euro attuali fino a 648 euro al mese per tredici mensilità. L’indennità di 285,66 euro mensili è riconosciuta dalla legge per le persone inabili al lavoro per effetto di gravi disabilità. Però questa indennità è ritenuta insufficiente a soddisfare i bisogni primari della vita di un inabile al 100%.

Questa decisione è nata dal caso di una persona affetta da tetraplegia spastica neonatale, inabile a svolgere persino i più elementari atti quotidiani. La Corte ha quindi stabilito che un assegno mensile di soli 285,66 euro sia inadeguato. Con quel tipo di indennizzo non si poteva garantire a persone totalmente inabili al lavoro i “mezzi necessari per vivere”. Si violava quindi il diritto riconosciuto dall’articolo 38 della Costituzione.

Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale. I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. Gli inabili ed i minorati hanno diritto all’educazione e all’avviamento professionale. Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o integrati dallo Stato. L’assistenza privata è libera.

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus in arrivo: incentivi su pc e tablet, buono mobilità e cashback

Aumento pensionistico: i requisiti

pensioniSono escluse dall’aumento tutte le persone che non hanno un’invalidità del 100% ma che comunque non lavorano per varie invalidità o patologie gravi. Questi ultimi percepiranno la sola somma dei 280 euro mensili. Inoltre la persona con l’invalidità del 100% dovrà avere un reddito personale che non superi la somma di 8.469,63 euro. In caso di pensionato coniugato il reddito non dovrà superare la somma di 14.447,42 euro annui.

Per usufruire dell’aumento di indennizzo, i titolari di pensioni di inabilità in base alla legge 222/1984 dovranno presentare una domanda entro il 30 ottobre 2020. L’aumento sarà riconosciuto retroattivamente dal primo agosto. Se verrà presentata invece dopo il 30 ottobre, l’aumento decorrerà dal primo del mese successivo a quello della domanda.
La domanda può essere presentata direttamente dal beneficiario dell’assegno o, in alternativa, da un intermediario. La richiesta deve essere presentata accedendo al servizio “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci”, che si trova sul portale dell’Inps. Nel riquadro delle note si dovrà inoltre scrivere la dicitura “Richiedo il riconoscimento della maggiorazione con decorrenza dal 1° Agosto 2020“.

Per i soggetti invalidi totali, titolari di prestazioni di invalidità civile e in possesso dei requisiti di legge, l’adeguamento sarà riconosciuto in automatico. La decorrenza avverrà dal 20 luglio 2020 senza la necessità di presentare domanda.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid-19: Italia pronta alla seconda ondata con 11.000 posti in terapia intensiva

Aumento pensioni: dove leggerlo nel decreto agosto

pensioniLa modifica si trova, precisamente, nell’art 15 del Decreto Agosto sotto la voce “Modifiche all’articolo 38 della legge n. 448 del 2001”.

1.Con effetto dal 20 luglio 2020 all’articolo 38, comma 4, della legge 28 dicembre 2001, n. 448, e successive modificazioni e integrazioni, le parole “di età pari o superiore a sessanta anni” sono sostituite dalle seguenti: “di età superiore a diciotto anni”. Conseguentemente l’articolo 89-bis del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, è abrogato.”

“2. Agli oneri derivanti dal comma 1 valutati in 132 milioni di euro per l’anno 2020 e in 400 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2021 si provvede: a) quanto ad euro 46 milioni per l’anno 2020 mediante utilizzo delle risorse del Fondo di cui all’articolo 89- bis, comma 1, del decreto-legge 19 maggio 2020, n.34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n.77.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here