Il governo Meloni valuta di modificare la clausola sui figli in “Opzione Donna”

0
79
Pensioni opzione donna

Pensioni opzione donna: l’opzione di pensionamento delle donne già modificata dal governo Meloni potrebbe cambiare ancora. Infatti, si valuta la possibilità di modificare la clausola riguardante l’uscita anticipata dal lavoro legata al numero dei figli.

Ti consigliamo come approfondimento-Pensioni aumento trappola, con la nuova riforma perdita di 100 € al mese

Pensioni opzione donna: come funziona ora

Covid Cassa integrazioneIl governo Meloni sta valutando ulteriori modifiche alle pensioni principalmente in “opzione donna”. Infatti, è in atto una discussione tra i gruppi parlamentari sulla clausola riguardante l’uscita anticipata dal lavoro legata al numero dei figli. Infatti, è possibile andare in pensione a 60 anni, in base al numero dei figli. Una donna, al momento, può anticipare di un anno per ogni figlio, fino al massimo di due. Inoltre, solo per le licenziate o dipendenti da aziende in crisi la riduzione a 58 anni è a prescindere dai figli. Si tratta di un doppio paletto che limita in questo modo la platea da 17 mila a 3 mila uscite nel 2023. La spesa totale si aggira sui 20,8 milioni contro i 110 dell’attuale versione. A questo si aggiungono come beneficiarie dell’anticipo anche caregiver, donne con invalidità civile e donne licenziate o dipendenti di imprese in crisi.

Ti consigliamo come approfondimento-Manovra 2023, dall’abolizione del Reddito alle pensioni: ecco tutte le manovre

Pensioni opzione donna: soldi stanziati

manovra 2023 reddito di cittadinanza
Fonte: Facebook

La questione ha suscitato molte polemiche ed il governo è a caccia di risorse. Servono circa 80 milioni solo per il 2023, molti di più nel triennio per riuscire a garantire subito l’uscita anticipata. Si parla circa 14 mila donne lavoratrici che rischierebbero di essere escluse con la nuova normativa. Le possibilità di successo sono elevate ma i margini finanziari sono stretti. In una recente riunione, il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti è stato chiaro fissando un tetto, 400 milioni. Tale tesoretto sarà messo a disposizione dei gruppi parlamentari per la loro lista dei desideri. La lista dei desideri non è lunghissima, ma è onerosa, tanto da preoccupare la premier Meloni. La Meloni, infatti, è memore di quello che capitò al suo predecessore, Mario Draghi, nella manovra approvata lo scorso anno.

Ti consigliamo come approfondimento-Pensioni, quota 41 è possibile se si rimaneggia il reddito di cittadinanza: ecco le ipotesi

Pensioni opzione donna: nuove modifiche

Aumento pensioni autunnoL’ultima ipotesi prevede quindi, secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, di cancellare il passaggio sul numero dei figli. Tale passaggio secondo alcuni risulta discriminatoria, finalizzata a penalizzare le donne senza figli. Per modificare la norma, però, in senso più ampio servirebbero adeguate coperture economiche. Inoltre, i partiti di opposizioni hanno esposto nelle commissioni ile modifiche da attuare e ora sarà il governo a determinarne la fattibilità. Il governo, inoltre, si soffermerà anche sul Superbonus. Come anticipato dal Messaggero, si potrebbero posticipare i termini, attualmente scaduti il 25 novembre. Fratelli d’Italia avrebbe proposto il deposito delle Cilas per l’avvio dei lavori almeno al 31 dicembre e sbloccare i crediti d’imposta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 − tre =