Piano Vaccini Covid: la strategia del governo per immunizzare l’Italia

0
775
Piano vaccini covid

Il piano vaccini Covid sintetizza le linee guida del Ministero della Salute da seguire per garantire un’immunizzazione uniforme e il suo monitoraggio. Sin dall’inizio, il Ministero si è mosso creando interlocuzioni con altri partner europei per assicurarsi le dosi necessarie per le diverse tranche di immunizzazione.

È stato poi creato un team per fornire un piano nazionale per la vaccinazione anti-SARS-CoV2. L’attuazione del piano sarà poi affidata al Commissario per l’emergenza epidemiologica Domenico Arcuri

Ti consigliamo come approfondimento – Arcuri sui vaccini per i migranti: “Lo faremo anche a loro”

Piano vaccini Covid: principi e categorie prioritarie

Piano vaccini covidAppena l’EMA garantirà la sicurezza e l’efficacia dei prodotti e quindi concederà l’autorizzazione all’immissione in commercio, in Italia arriveranno 202.573 dosi. Si tratta del 13,46% delle dosi acquistate a livello europeo.

La strategia di vaccinazione si basa su principi di equità, reciprocità, legittimità, protezione, promozione della salute e del benessere. Le raccomandazioni (il vaccino non sarà obbligatorio) saranno soggette a modifiche in base all’evoluzione delle informazioni sull’efficacia vaccinale. Per avere l’effetto protettivo diretto dei vaccini, sono state identificate le seguenti categorie da vaccinare in via prioritaria nelle fasi iniziali:

  • Operatori sanitari e sociosanitari “in prima linea”, sia pubblici che privati, per forza di cose maggiormente a contatto con pazienti infetti. La loro vaccinazione manterrà alta la resilienza del servizio sanitario;
  • Residenti e personale dei presidi residenziali per anziani, soggetti ad alto rischio di contagi e ad elevata priorità per la vaccinazione;
  • Persone di età avanzata, per l’elevata probabilità di sviluppare una malattia grave e il conseguente ricorso a ricoveri in terapia intensiva o sub-intensiva.

Con l’aumento delle dosi di vaccino si inizierà a sottoporre a vaccinazione le altre categorie. Anzitutto gli insegnanti e il personale scolastico, le forze dell’ordine, il personale delle carceri e dei luoghi di comunità, etc.

Ti consigliamo come approfondimento – Moderna: vaccino anti Covid-19 efficace al 100%

Piano vaccini Covid: logistica e approvvigionamento

Piano Vaccini covidI vaccini necessitano di differenti conservazioni, ci saranno quindi due procedure. Per le dosi da conservare in catena del freddo standard (2°- 8°) è prevista la distribuzione “hub and spoke“. Ci sarà un sito nazionale di stoccaggio e una serie di siti territoriali di secondo livello. Quelli che necessitano di catena del freddo estrema (-20/-70°C) verranno consegnati direttamente, dall’azienda produttrice, presso 300 punti vaccinali condivisi tra le Regioni e le Province Autonome. L’acquisizione di un adeguato numero di siringhe, aghi e diluente, quando non forniti dall’azienda produttrice del vaccino, sarà eseguita facendo ricorso alle procedure di appalto congiunto per le procedure mediche (il cosiddetto jpa, joint procurement agreement). Per il materiale essenziale per lo svolgimento delle sedute vaccinali, provvederà il Commissario Straordinario.

Piano vaccini Covid: i punti di vaccino e gli attori principali

Piano Vaccini covidNella fase iniziale della campagna vaccinale si prevede una gestione centralizzata in siti ospedalieri o paraospedalieri. Saranno adibite unità mobili destinate alla vaccinazione delle persone impossibilitate a raggiungere i punti di vaccinazione. Il personale sarà costituito da medici, infermieri, assistenti sanitari, OSS e personale amministrativo di supporto. Si stima, al momento, un fabbisogno massimo di circa ventimila persone.

Saranno definite a livello nazionale le procedure organizzative. A livello regionale e locale saranno identificati referenti che si interfacceranno con i Dipartimenti di Prevenzione. Con l’aumentare della disponibilità dei vaccini, a livello territoriale potranno essere realizzate campagne su larga scala. In fase avanzata verranno coinvolti:

  • Gli ambulatori vaccinali territoriali;
  • Gli ambulatori dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta;
  • Infine la sanità militare e i medici competenti delle aziende.
Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Covid, Margaret Keenan prima al mondo a vaccinarsi

Piano vaccini Covid: Vaccinovigilanza e un nuovo sistema informativo

CovidPer poter ottimizzare tutti i processi organizzativi e gestionali, dalle forniture alle sedute vaccinali, si predisporrà di un sistema informativo interfacciabile con i diversi sistemi regionali e nazionali.

La vaccinovigilianza e sorveglianza immunitaria saranno fondamentali per monitorare e identificare eventuali eventi avversi o nuove problematiche relative ai vaccini.
L’AIFA, inoltre, promuoverà alcuni studi indipendenti sui vaccini dopo l’autorizzazione. Verrà valutata la risposta immunitaria su un campione rappresentativo. Per questo verranno eseguiti esami prima della vaccinazione e a distanza di 1, 6 e 12 mesi.

Sarà inoltre stimato il “burden of disease” (l’impatto della malattia a vari livelli) di Covid-19. Così sarà calcolato il costo-efficacia della vaccinazione, stratificando i dati epidemiologici per età, genere, variabili socioeconomiche e comorbidità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici − undici =