Piatti tipici in Campania: il made in Italy più famoso del mondo

Arte, cultura e tradizioni non sono le uniche cose che possiamo vantare. Un food internazionale che non deve essere associato soltanto alla pizza

0
502
piatti tipici Campania

Con la nostra rubrica di Parthedodè, associazione attiva da anni nella tutela del patrimonio enogastronomico locale, eccoci arrivati a parlare di piatti made in Italy, ovviamente partendo da quelli campani. La Campania è tra i maggiori esportatori di cibo nel mondo. Non soltanto i prodotti tipici, ma anche e soprattutto la loro lavorazione li rendono tra le pietanze più pregiate a livello internazionale. La nostra associazione Parthedodé oggi farà un veloce viaggio insieme a voi in questo vero e proprio universo di golosità.

Ti consigliamo come approfondimento – Dieta post Natale, come rimanere in forma

I primi piatti: qualità e tradizione

spaghettiPartiamo con i primi piatti della Campania, il miglior modo per iniziare un buon discorso a tavola. Al quinto posto la nostra associazione mette gli spaghetti al pomodorino del Piennolo, un piatto semplice e raffinato, con il tipico pomodorino vesuviano. Al quarto la tradizione supera la voglia di preparazioni elaborate: pasta e patate.

Questa è la ricetta tra le più utilizzate in Italia, ma la variante napoletana è celebre nel mondo. Supera la altrettanto celebre pasta e fagioli in qualità e “abbondanza”. Al terzo posto sua maestà il Ragù, che batte la lasagna e i cannelloni. Questa scelta è non solo per l’antica tradizione di lavorazione della carne, ma anche perché vero e proprio simbolo delle domeniche napoletane. Al secondo posto i nostri esperti optano per i paccheri allo scoglio.
Le varianti senza peperoncino e senza prezzemolo non sono molto apprezzate dai napoletani, ma proprio la discussione genera un maggiore appetito in un piatto che ha tutto il sapore del Mediterraneo. Al primo posto i celeberrimi spaghetti alla Nerano. Sono un piatto che dalla costiera Amalfitana è arrivato nelle cucine del mondo intero. Ancora oggi infatti attira migliaia di visitatori e turisti pronti ad assaggiarlo.

Ti consigliamo come approfondimento – Cibo da spiaggia, rimanere sempre in forma

Piatti tipici Campania: i secondi e i contorni

piattiContinuiamo con il nostro immaginifico pranzo in Campania, alla volta dei secondi e contorni. Questi ultimi lasciano parecchio spazio alla fantasia del cuoco, e variano a seconda delle aree. Possiamo trovare peperoni imbottiti, parmigiana di melanzane e molto altro. Sui secondi, invece, al terzo posto proponiamo il tipico polpo alla Lucìana, chiamato dai napoletani “affogato”. Condito con pepe e prezzemolo ha dato vita a uno dei detti locali più famosi in Italia: “il polpo si cuoce nella sua acqua”. Subito dopo la minestra maritata, meglio del coniglio all’ischitana. Il suo nome deriva dal fatto che i suoi ingredienti siano perfettamente sposati tra loro, in modo da formare un piatto tra i più saporiti. Al primo posto dei secondi piatti, vince a mani basse il baccalà. Nelle sue famose varianti è senza dubbio uno dei pesci che più si associano alla tradizione campana.

Ti consigliamo come approfondimento – Intervista allo chef Alfonso Crisci

Piatti tipici Campania: quando i dolci diventano arte

Piatti tipici Campania: la sfogliatella di Vincenzo Ferriero

Qui chiudiamo, anche se si apre un modo sconfinato di ricette e tradizioni della Campania. Dalle zeppole tipiche di San Giuseppe, al torrone beneventano, dalla pastiera agli struffoli, dalla caprese al migliaccio, dai roccocò ai mostaccioli, dal più recente Fiocco di Neve ai Ministeriali di Scaturchio. A contendersi però il trono sono due must della cultura tradizionale pasticcera campana: il babà e le sfogliatelle. Il primo si crea con uova, farina, sale, zucchero, burro, lievito di birra e soprattutto del buon Rum. La seconda può essere sia riccia che frolla e con un pizzico di zucchero a velo sopra. Ovviamente non può mancare a fine pasto un buon caffè e un pizzico di limoncello prodotto in costiera: un pranzo che difficilmente dimenticheremo.

A cura di associazione Parthedodè

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × uno =