Pillola abortiva anche in ambulatori pubblici: la svolta dalla Toscana

0
51
pillola abortiva

Mentre in Umbria torna l’obbligo di ricovero in ospedale per la somministrazione della pillola abortiva Ru486, in Toscana le cose sembrano prendere una piega diversa. La giunta guidata da Enrico Rossi ha approvato la delibera che apre la strada alla somministrazione della pillola in ambulatorio. Da tempo la Regione stava lavorando a un percorso semplificato per chi volesse ricorrere all’aborto farmacologico.

Ti consigliamo come approfondimento – Catello Maresca e il suo impegno sociale: una vita al servizio della legalità

Pillola abortiva, le parole del Governatore Rossi

pillola abortiva
Foto dalla pagina facebook di Enrico Rossi

Come ha spiegato il Governatore Enrico Rossi, dopo l’approvazione della delibera sull’aborto, la Toscana sarà la prima Regione a prevedere la somministrazione della Ru486 al di fuori dell’ospedale. Ciò avverrà in ambulatori specializzati e autorizzati. Si tratta di un passo avanti a favore delle donne che devono affrontare una decisione cosi difficile e delicata. Complicare e burocratizzare eccessivamente la procedura servirebbe solo a colpevolizzarle e punirle, ha osservato Rossi.

Con la nuova delibera, in Toscana si potrà ricorrere all’aborto farmacologico anche in ambulatori pubblici e consultori. La norma fa riferimento al parere del Consiglio Sanitario Regionale che, già 6 anni fa, aveva specificato che la pillola abortiva potesse essere erogata anche negli ambulatori funzionalmente collegati agli ospedali. Si riducono tempi ed eventuali ostacoli amministrativi, ma si mantengono alte l’informazione e la privacy.

Ti consigliamo come approfondimento – 100 parlamentari pensano alla cannabis legale per risollevare l’economia

L’Umbria e le proteste in piazza

Mentre in Toscana si semplificano i processi, in Umbria la situazione è degenerata. È diventata un caso mediatico la decisione presa dalla governatrice Donatella Tesei, che ha reso più complicato il percorso per l’aborto farmacologico ripristinando l’obbligo di ricovero in ospedale.

Una scelta che ha portato a proteste da parte di ginecologi, donne e movimenti femministi. Una decisione additata come punitiva nei confronti delle donne. Inoltre, dovendo ricorrere al ricovero, si incorrerebbe in un rischio di sovraffollamento degli ospedali, proprio durante l’emergenza Covid-19.

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus occhiali nel Decreto Rilancio: come richiederlo e chi può ottenerlo

Aborto, una grande conquista

pillola abortivaLa legge sull’aborto entra a far parte del nostro sistema giuridico nel 1978. La legge 194, confermata con il referendum del 1981:

  • Nel primo trimestre, ammette l’aborto sulla base di una dichiarazione della donna che ritiene che la prosecuzione della gravidanza possa rappresentare un pericolo per la sua salute fisica o psichica;
  • Dopo il primo trimestre, l’aborto è ammesso solo se un medico rilevi e certifichi che la gravidanza costituisce un pericolo per la vita della donna.

Una grande conquista che, in alcuni casi, ancor oggi è motivo di critiche e vessazioni. Inoltre, sono ancora molti i medici obiettori di coscienza che ostacolano questa decisione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here