Shock nella Polizia britannica: in aumento i casi di razzismo, violenze e misoginia

0
655
Polizia britannica accuse violenze razzismo

Polizia britannica accuse violenze razzismo: la Polizia britannica è alle prese con una vera e propria rivoluzione interna. Infatti, il nuovo capo della Polizia dopo l’arresto di un agente per violenze ha iniziato un’indagine interna che ha mostrato diversi reati commessi dagli agenti. Sono state scoperte violenze sessuali, atti di discriminazioni razziali e atti di misoginia.

Ti consigliamo come approfondimento-Giovane 16enne marocchino esce a comprare le pizze ma viene trovato carbonizzato

Polizia britannica accuse violenze razzismo: Londra la più colpita

Le forze di Polizia britanniche sono sottoposte a pressioni senza precedenti per riformarsi dopo la condanna di agenti per omicidio e stupro. La Polizia metropolitana di Londra è stata la più colpita. Dopo anni in cui si afferma che i casi di cattiva condotta grave erano incidenti isolati, ora si decide di cambiare. Nell’ultimo anno, un agente è stato condannato per l’omicidio e lo stupro di una donna che aveva rapito usando il suo tesserino di Polizia. Un altro agente è stato incarcerato per più di 30 anni per 24 stupri. Mentre, due agenti sono stati licenziati per aver condiviso le foto di due sorelle assassinate. Un’indagine interna ha scoperto atti di bullismo, discriminazione razziale, misoginia e molestie sessuali. A gennaio, Mark Rowley, il nuovo capo del Met e l’ufficiale più anziano della Gran Bretagna he detto: “Abbiamo fallito e mi dispiace”.

Ti consigliamo come approfondimento-Donna anziana, per salvare il cane da un alligatore, viene sbranata a morte

Polizia britannica accuse violenze razzismo: rinnovamento interno

Il capo Rowley è subentrata a Cressida Dick, che è stata espulsa nel febbraio 2022. La Dick venne cacciata dal sindaco di Londra, Sadiq Khan. Questi dichiarò che la Dick non avrebbe sradicato il razzismo e il sessismo nella forza.  Il duro compito che deve affrontare il nuovo capo è significativo. È stata istituita una squadra per esaminare la gestione da parte delle Forze dell’Ordine delle denunce presentate contro quasi 1.100 ufficiali. Tali denunce vanno dall’uso di un linguaggio inappropriato alle accuse di violenza sessuale. Rowley ha affermato che il processo per liberare la forza dagli ufficiali corrotti non sarà rapido poiché ci vuole tempo. Secondo lui è probabile che emergano storie più “dolorose”. In merito è intervenuta Diana Johnson, una deputata laburista dell’opposizione che presiede la commissione per gli affari interni del parlamento. La Johnson ha dichiarato a gennaio che la polizia era colpevole di sessismo istituzionale.

Ti consigliamo come approfondimento-Supermercati Esselunga, ritirato lotto di pesto genovese: sospetta presenza di salmonella

Polizia britannica accuse violenze razzismo: aumento record delle accuse

trans arresto droga, strage funivia eitanI dati della polizia mostrano un numero record di accuse di reati sessuali nei confronti della polizia nel 2021.  Si parla di 190 delle 251 totali provenienti internamente da colleghi o personale. Le rivelazioni più scioccanti sono arrivate dalle chat in cui gli agenti si scambiavano messaggi offensivi. O altre chat in cui discutevano di aggressioni sessuali alle loro colleghe e percosse alle donne. Secondo un rapporto ufficiale, gli agenti avevano spacciato le conversazioni per “battute”. Due agenti sono stati licenziati l’anno scorso. Un rapporto della polizia dello scorso novembre ha citato un sondaggio condotto su 11.000 agenti. Il personale mostrava “un numero allarmante” di fronte a “comportamenti spaventosi da parte di colleghi maschi”.

 

Tra le sue scoperte c’erano ufficiali di sesso maschile che fermavano auto guidate da donne che consideravano carine in una pratica che chiamavano “bottino di pattuglia”. O ancora alti ufficiali che tormentavano donne di grado inferiore per sesso e ufficiali che guardavano pornografia al lavoro. Il rapporto si conclude: “Abbiamo concluso che troppe donne, a un certo punto della loro carriera, avevano sperimentato comportamenti sessuali indesiderati nei loro confronti”. L’Inghilterra e il Galles hanno ora più di 50.000 agenti di polizia donna, quasi il 35% del totale. Inoltre, ci sono più donne in ruoli di leadership senior.