Dramma in Questura: una poliziotta si suicida mentre è in servizio

0
1279
Poliziotta suicidio pistola
Ph dalla pagina Facebook ufficiale della Polizia di Stato

Poliziotta suicidio pistola: l’agente di Polizia si è suicidata con la pistola d’ordinanza in Questura nella serata di ieri. L’allarme è stato dato dai colleghi che hanno sentito lo sparo. I soccorsi non hanno potuto fare nulla. Il Segretario Generale del Fsp, sindacato della Polizia di Stato, è preoccupato dell’aumento dei suicidi tra le Forze dell’Ordine.

Ti consigliamo come approfondimento-Dramma in casa, bimbo di 6 anni schiacciato da armadio: il piccolo con il bacino fratturato è in codice rosso

Poliziotta suicidio pistola mentre era in servizio

polizia, pomigliano sicuraAncora un suicidio tra gli agenti delle Forze dell’Ordine. Questa volta a togliersi la vita è stata un’agente della Polizia di Stato di Verona. L’agente si è sparata con la propria pistola d’ordinanza mentre era in servizio in Questura. La donna, di 46 anni, era madre di una bambina piccola ed era in servizio presso l’ufficio del personale della Questura di Verona. L’episodio è avvenuta nella serata di ieri, quando improvvisamente la donna ha rivolto la propria pistola contro sé stessa. I colleghi, sentendo lo sparo, hanno immediatamente lanciato l’allarme. La poliziotta è stata trovata in una pozza di sangue. Nel frattempo, sono giunti sul posto gli operatori sanitari del 118 che l’hanno trasportata d’urgenza in ospedale. Le condizioni della donna sono apparse subito disperate. Il personale sanitario ha tentato, invano, di salvarle la vita. L’agente è morta poco dopo l’arrivo in pronto soccorso a causa della ferita autoinflitta.

Ti consigliamo come approfondimento-Suicidio Alessandro, aumentano gli indagati: sarebbe l’ex fidanzata la fonte degli insulti

Poliziotta suicidio pistola: suicidi in netto aumento

Dalla Pagina Facebook del sindacato Fsp della Polizia di Stato

L’ennesimo dramma arriva a pochi giorni di altri tre casi di suicidio che hanno coinvolto Polizia di Stato e Carabinieri. Secondo i numeri riportati dall’Osservatorio Suicidi in Divisa si tratterebbe della quarantanovesima vittima tra le Forze dell’Ordine da inizio anno. Tra di loro si annoverano 17 solo tra gli agenti della Polizia di Stato. Numeri che sommati a quelli degli anni precedenti danno un quadro drammatico della situazione. Infatti, nel 2021 erano stati 57, mentre nel 2020 erano 51. Il numero potrebbe essere superiore quest’anno. La tragicità della situazione è stata commentata da Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp, il sindacato degli agenti della Polizia di Stato. Mazzetti ha detto: “Il nome della collega si aggiunge a una tragica lista che annovera, dall’inizio dell’anno, già 49 suicidi fra gli appartenenti alle forze dell’ordine. Urge alleviare i disagi legati a questo lavoro difficile”.

Ti consigliamo come approfondimento-Tiziana Cantone, risultato autopsia: morte per suicidio sempre più probabile

Poliziotta suicidio pistola: situazione agghiacciante

Polizia concorso vice ispettore polizia
Ph dalla pagina Facebook ufficiale della Polizia di Stato

Il segretario continua: “Sono numeri agghiaccianti. La media fra gli operatori del comparto che si tolgono la vita è ben superiore alla media nazionale. Essa, inoltre, conta tutte le fasce d’età, mentre quella dei colleghi è una fascia anagrafica delimitata. Nessuno può conoscere le singole realtà di fragilità e di sconforto che sfociano in simili tragedie. Ciò che sappiamo, appartenendo a questo mondo, è che i disagi, i sacrifici, le difficoltà sono tante. Certamente alleviarle ed eliminarle, quando possibile, sarebbe determinante. Attendiamo provvedimenti concreti che contribuiscano ad alleviare le difficoltà tecnico-operative ed organizzative di un settore che richiede investimenti seri. Perché la sicurezza, proprio come la vita delle persone che lavorano per essa, non può essere considerata un costo.” Attendendo possibili provvedimenti, al momento non si può fare altro che prendere nota del numero agghiacciante e in netto aumento dei suicidi.