Poliziotto avvelena sua madre e si toglie la vita nel giorno del suo compleanno

0
413
poliziotto avvelena mamma
Fonte - Facebook

Poliziotto avvelena mamma e decide di farla finita proprio il giorno del suo compleanno. Il tragico epilogo di due vite già piuttosto travagliate, scoperto durante il pomeriggio di ieri nel quartiere Navile, a Bologna. Entrambi, madre e figlio, soffrivano di gravi patologie, che probabilmente avrebbero portato Angelo, questo il nome del poliziotto, all’esasperazione e a questo gesto estremo. La madre, in condizioni molto gravi, è per ora sopravvissuta all’avvelenamento.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, 24enne strangolata dal vicino: catturato il presunto killer in fuga

Poliziotto avvelena mamma? la vicenda nel dettaglio

buscopan birra pillola poliziotto avvelena mammaLe prime preoccupazioni sono cominciate proprio a causa del compleanno del presunto colpevole, che avrebbe compiuto 45 anni. Difatti, l’uomo non rispondeva ai messaggi di auguri e per di più non si è presentato alle visite mediche per il rientro al lavoro. A far scattare l’allarme poi, un bigliettino trovato davanti la porta di casa da una vicina: Le chiavi di casa sono qui, in caso di bisogno”.

Sul posto sono subito sopraggiunte le volanti, ma nessuno rispondeva al campanello. Entrambi, mamma e figlio, sono stati ritrovati sul letto, senza segni di violenza sul corpo. Avrebbero ingerito un mix di farmaci dunque, che ha stroncato lui, già malato e sottoposto a un trapianto di fegato. La donna, di 61 anni, è attualmente in condizioni molto gravi. Dunque, la domanda attualmente è che cosa sia realmente accaduto: il poliziotto avvelena mamma? Sulla vicenda è stato aperto un fascicolo, che per ora non ha titolo di reato. Probabilmente però, potrebbe trattarsi di tentato omicidio.

Ti consigliamo come approfondimento – Stuprata in ambulanza da paramedico: lui l’ha sedata per oltre due ore

Il ricordo di Angelo

concorso vice ispettore polizia poliziotto avvelena mamma
Ph dalla pagina Facebook ufficiale della Polizia di Stato

Tanti i messaggi di cordoglio pubblicati sul profilo Facebook di Angelo. I colleghi, increduli di quanto accaduto, così descrivono l’uomo: “Era un ragazzo intelligente e garbato. Amava più di tutto viaggiare, prima della malattia era sempre in giro. Un ragazzo di altri tempi, cortese e riservato. Dopo il trapianto era tornato al lavoro… E poi è arrivato il Covid e un lungo periodo di malattia a casa, da solo. Aveva perso il papà da qualche anno. Amava moltissimo sua madre. E la malattia di lei, in stato molto avanzato, deve averlo provato fino alla decisione di farla finita così, in un modo così tragico“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 + tre =