Carro nuziale con decori erotici. L’ultima sorpresa di Pompei

0
529
pompei carro

Pompei carro: ancora un’eccezionale scoperta nel Parco Archeologico. Un meraviglioso carro cerimoniale è stato infatti portato alla luce con un lavoro congiunto di archeologi e Procura. Incredibile lo stato di conservazione del reperto dopo più di duemila anni. 

Ti consigliamo come approfondimento – Pompei: riportati alla luce due corpi integri risalenti al 79 d.C.

Pompei carro: eccezionale ritrovamento sfuggito ai tombaroli

pompei carro
Ricostruzione 3D del carro (dal sito del Ministero dei Beni Culturali)

Pompei non smette di svelare i propri tesori nascosti ancora dalla lava. È venuto infatti alla luce un grande carro cerimoniale praticamente intatto. Secondo gli archeologi, si tratterebbe di un pilentum, un carro aristocratico utilizzato in occasione di feste e riti. Un ritrovamento eccezionale perché aggiunge un elemento in più al racconto degli ultimi istanti di vita di chi abitava a Pompei. Ma, soprattutto, è un reperto unico – mai finora rinvenuto in Italia – in ottimo stato di conservazione. L’annuncio è stato fatto dal Parco Archeologico di Pompei, in collaborazione con la Procura della Repubblica di Torre Annunziata. Il ritrovamento risale al 7 gennaio scorso.

Una scoperta ancor più sorprendente se si considera che l’area dello scavo, situata oltre le mura della città antica, a nord di Pompei, è stata più volte oggetto delle razzie dei tombaroli. Negli scorsi decenni, infatti, i predatori di reperti avevano scavato diversi cunicoli nell’area per intercettare tesori archeologici da rivendere poi al mercato nero dei collezionisti, arrivando a sfiorare questo meraviglioso carro rimasto per fortuna intatto.

Ti consigliamo come approfondimento – Arte come cura terapeutica: ingresso gratuito a Pompei ai malati oncologici

Pompei carro: decorazioni erotiche per un corteo nuziale

pompei carro

Pompei carro – Si tratta di un grande carro cerimoniale a quattro ruote, con elementi in ferro e decorazioni in bronzo e stagno. Dal carattere marcatamente erotico dei decori, gli archeologi hanno ipotizzato possa trattarsi di un carro nuziale, oppure destinato al culto di Venere. È incredibile che si siano conservati per più di duemila anni anche le impronte di elementi organici ormai perduti. Stupiscono infatti i segni delle corde o delle spighe di grano appoggiate sui cuscini. Il carro è stato rinvenuto nel porticato antistante alla stalla dove, già nel 2018, erano stati recuperati i resti di tre cavalli, anche loro parte del corteo celebrativo. Lo spettacolare carro è stato già portato nei laboratori di Pompei. Lì sarà sottoposto a un lungo e complesso lavoro di restauro per ripulirlo dal materiale vulcanico e riportarlo allo splendore originario.

Ti consigliamo come approfondimento – Pompei: la sessualità dagli antichi Romani ai tempi nostri

Pompei carro ma non solo: una fonte di sorprese senza fine

pompei carro

Per Massimo Osanna, direttore uscente del Parco Archeologico di Pompei, si tratta di “una scoperta straordinaria per l’avanzamento della conoscenza del mondo antico. A Pompei sono stati ritrovati in passato veicoli per il trasporto, come quello della casa del Menandro, o i due carri rinvenuti a Villa Arianna, ma niente di simile al carro di Civita Giuliana.”

Anche il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini esprime entusiasmo per l’inaspettato ritrovamento. “Pompei continua a stupire con le sue scoperte e così sarà per molti anni ancora” ha commentato. “Ma soprattutto dimostra che si può fare valorizzazione. Si possono attrarre turisti da tutto il mondo e, contemporaneamente, fare ricerca, formazione e studi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × 3 =