Pompei: riportati alla luce due corpi integri risalenti al 79 d.C.

0
152
Pompei
Dal profilo Facebook ufficiale degli Scavi di Pompei

Nel Parco degli scavi di Pompei, in località Civita Giuliana, gli archeologi hanno riportato alla luce due corpi perfettamente integri. Si tratta dei calchi in gesso appartenenti a due uomini dell’antica città romana, colti di sorpresa dal materiale cineritico emesso durante l’eruzione del Vesuvio. Per il direttore del complesso, Massimo Osanna, questa è assolutamente una “fonte di conoscenza incredibile”.

Ti consigliamo come approfondimento – Musei Napoli: il Mann svela nuovi tesori e porta l’arte a domicilio

A Pompei, la tecnica dei calchi in gesso risale all’Ottocento

Pompei
Dal profilo Facebook ufficiale degli Scavi di Pompei

Anche durante il lockdown, non si sono fermati i lavori agli scavi di Pompei. Nella località di Civita Giuliana, nell’area della grande villa suburbana, sono riemersi due corpi completamente integri. Entrambi presentano ancora le pieghe degli abiti che indossavano. Si tratta, con grande probabilità, di un ricco pompeiano e del suo schiavo. Questa magnifica scoperta è stata resa possibile grazie alla tecnica calcografica data dalle colate di gesso.

L’idea della realizzazione dei calchi risale al 1863, quando l’archeologo napoletano Giuseppe Fiorelli la mise in pratica per la prima volta a Pompei. La tecnica prevede l’introduzione di una colata di gesso liquido negli incavi che i corpi degli antichi pompeiani hanno creato nel materiale vulcanico. È così che, qualche giorno fa, sono venuti alla luce i due corpi, risalenti all’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

La mano destra è sul petto, come se volesse trattenere il respiro troncato dallo shock termico; nel frattempo, quella sinistra si tiene ancora salda al mantello di lana. Gli scavi di Pompei, ancora una volta, si mostrano come terreno fertile per scoperte e ritrovamenti straordinari.

Ti consigliamo come approfondimento – Egitto, scoperta incredibile: ritrovati 100 sarcofagi di 2500 anni fa

Ricerca, studio, formazione: ecco cos’è Pompei

PompeiPer il direttore del Parco archeologico, Massimo Osanna, questa scoperta “è una fonte di conoscenza incredibile”. Grazie ai due calchi è stato possibile risalire alla causa del decesso, molto probabilmente uno shock termico. Lo mostra la rifinitura della contrattura di mani, arti e piedi.

Non è la prima volta che gli scavi di Pompei fanno notizia in materia di nuovi ritrovamenti. L’ultimo rinvenimento risale al 2017: si tratta di una lussuosa abitazione con una terrazza panoramica che affacciava sul Golfo di Napoli e Capri.

Ti consigliamo come approfondimento – Egitto, rischio ambientale? Arriva la nuova autostrada tra le Piramidi

Questa scoperta straordinaria dimostra che Pompei è importante nel mondo non soltanto per il grandissimo numero di turisti, ma perché è un luogo incredibile di ricerca, di studio, di formazione”. Sono queste le parole che Dario Franceschini, Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, ha riferito ai microfoni dell’ANSA.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here