Pompei: la sessualità dagli antichi Romani ai tempi nostri

Quando un evento modernissimo ti porta a fare un salto di 2000 anni per controbattere a delle offese becere e tristissime. Succede a Pompei. 

0
351
pompei

Quando un evento modernissimo ti porta a fare un salto di 2000 anni per controbattere a delle offese tristissime. Succede a Pompei. Ma è meglio fare un passo indietro, prima di prendere la macchina del tempo.

Pompei ha ospitato ieri il Gay Pride (risultato un vero successo), organizzato dal Coordinamento Campania Rainbow. Come al solito non sono mancate le polemiche. A colpire è stato in particolare uno striscione della sezione di Casapound locale:”Pompei non è Sodoma“. Chiaro il riferimento alla città che, nella Bibbia, viene distrutta da Dio per i suoi vizi. Ecco, per rispondere a CasaPound, è meglio fare un salto indietro di 2000 anni. Così ricorderemo a tutti un’epoca in cui l’amore era molto più libero di come viene ricordato.

Pompei non è Sodoma, ma molto di più!

pompeiIn effetti basterebbe leggere i numerosi richiami all’amore che la stessa Pompei custodisce gelosamente per comprendere che quello striscione sia decisamente inadatto. Ma numerosissime fonti ci dicono che all’epoca dei Romani non c’era distinzione tra omosessualità ed eterosessualità. Ciò che veniva condannato nell’amore era tutt’altro (come la passività) e riguardava una sfera di reputazione pubblica e sociale. Ma nessuno a Roma si sarebbe scandalizzato per una relazione omosessuale.

pompeiTanto è vero che i casi sono moltissimi. Basti pensare all’imperatore Adriano che, alla morte del suo amante Antinio, gli dedicò addirittura un culto e una città; ma ancor più celebre era la nomea di Giulio Cesaremarito di tutte le mogli e moglie di tutti i mariti“. Storici come Svetonio o Tacito narrano di amori con giovinetti che coinvolgono tutte le classi sociali. La stessa epica di Virgilio ci lascia un esempio di amore omosessuale (l’autore lo definisce proprio amor) tra Eurialo e Niso.

Insomma, già 2000 anni fa, la mentalità era molto più avanzata di quella dimostrata oggi da alcuni contestatori. Forse che stiamo regredendo, invece di assecondare il nostro naturale desiderio di evoluzione?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here