Villa di Caius Olius Ampliatus: l’antico tesoro che fa ricca Ponticelli

0
534
Ponticelli

Le pendici del Vesuvio sono ricche di tesori di grande valore storico. Ma spesso queste ricchezze sono ben nascoste o sconosciute per molti. Non tutti sanno, infatti, che il territorio vesuviano non ospita solo le famose rovine di Pompei e Ercolano o le aree archeologiche di Oplonti, Boscoreale e Stabia. Nella parte nordorientale di Napoli, infatti, anche la città di Ponticelli accoglie una preziosa testimonianza storica. Si tratta della villa romana di Caius Olius Ampliatus, anch’essa distrutta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

Ti consigliamo come approfondimento – Tutto pronto per il nuovo Parco della Marinella

Ponticelli: gli scavi archeologici

Ponticelli
Foto dal Gruppo pubblico Fb “Ponticelli… Bella ciao”

Oggi la villa romana di Ponticelli è circondata dagli edifici della ricostruzione avvenuta dopo il terremoto del 1980. Tuttavia fu proprio grazie a questi lavori che nel 1986 i resti furono portati alla luce. Venne effettuata quindi una prima campagna di scavi proprio in quegli anni. Poi ne seguì un’altra venti anni dopo, nel 2007.
La villa è ben conservata e rappresenta un ottimo esempio di villa rustica, dedita alla produzione agricola. Bisogna, a tal proposito, ricordare che il terreno su cui si trova è sempre stato molto fertile, grazie anche alla presenza del fiume Sebeto. E, nato dalle sorgenti della Bolla, direttamente dalle falde del Monte Somma.

Ti consigliamo come approfondimento – Basilica della Pietrasanta: l’incredibile viaggio nel tempo nel cuore di Napoli

La struttura

Ponticelli
Foto dal gruppo pubblico Fb “Ponticelli… Bella ciao”

La villa si estende su circa 2000 metri quadrati. Il suo centro nevralgico è il peristilio, un giardino centrale con colonnato. Da esso si accede all’area residenziale, che è separata da quella produttiva.

  • L’area residenziale è la zona dove viveva il dominus. È composta da cucina, latrina, triclinium (dove si consumavano i pasti), cubiculum (stanza adibita al riposo), probabilmente un piccolo impianto termale e un piccolo orto.
  • L’area produttiva è composta da ambienti destinati alla produzione di vino, di olio, di pane. Di grande interesse è la grande cella vinaria, dove si trovavano i “dolia” contenitori per conservare il vino, un grande torchio e la vasca in cui veniva fatto fermentare il mosto, o “lacus”.
Ti consigliamo questo approfondimento – Napoli, arriva il panaro solidale della cultura: libri gratis al Vomero

Chi è Caius Olius Ampliatus?

ScipioneLa denominazione della villa è dovuta al ritrovamento al suo interno del corpo di uno dei suoi abitanti. Molto probabilmente durante l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. si era rifugiato nei locali del torchio vinario, morendo arso. Tra i suoi oggetti è stato ritrovato un anello recante il sigillo “Caius Olius Ampliatus”. Non ci è possibile sapere se si trattasse del dominus in persona o più probabilmente di un suo servitore. A tal proposito, l’esame dello scheletro riporta dati significativi. Ha rilevato una forte usura delle articolazioni e molteplici fratture ossee. Questi elementi ci raccontano che sicuramente si trattava di un uomo che ha avuto un’esistenza dura e sofferta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here