Arriva il Pos obbligatorio per tutti: chi rifiuterà il pagamento tramite carta sarà sanzionato!

0
1012
Pos obbligatorio
Ph presa dalle immagini di repertorio

Arriva il Pos obbligatorio per tutti i commercianti, gli artigiani e i professionisti: coloro che non consentiranno questa facoltà ai propri clienti andranno incontro a tutta una serie di sanzioni. La misura dell’Esecutivo, come era possibile immaginare, è stata accompagnata da una serie di reazioni contrapposte e da polemiche. La categoria dei tabaccai, come si evince da l’Ansa, ha chiesto un esonero.

Ti suggeriamo come approfondimento – Omicidio Elena Del Pozzo, richiesta della madre in carcere: “Un prete e poi devo continuare a studiare”

Arriva il Pos obbligatorio per tutti: nascono le polemiche

Pos obbligatorio
Ph presa dalle immagini di repertorio

Se l’associazione dei consumatori mostra il proprio entusiasmo per questa nuova misura governativa, le associazioni di settore, in particolare quella dei tabaccai, mostrano le proprie preoccupazioni.
La lotta all’evasione fiscale” afferma Assotabaccai, “tramite l’obbligo di accettazione di pagamenti con carta e bancomat, è un controsenso. Le tabaccherie, in particolare, sono concessionarie dello Stato”. E, quindi, la tracciabilità in questo caso già esisterebbe.

Ti suggeriamo come approfondimento – Tragedia, tiktoker Luca Itvai muore difendendo la madre: ucciso a coltellate dall’ex della donna!

Pos obbligatorio: le posizioni di Confesercenti e Confcommercio

fisco, Pos obbligatorio
Ph presa dalle immagini di repertorio

È un provvedimento inopportuno e iniquo” afferma Confesercenti. “Per le imprese più piccole, per le quali il costo della moneta elettronica – soprattutto sulle transazioni di importo ridotto – è già molto elevato con circa 772 milioni di euro l’anno. Fra commissioni e acquisto/comodato del dispositivo”. Dello stesso avviso risulta essere Confcommercio che commenta così il provvedimento:
Non si può pensare di incentivare i pagamenti elettronici attraverso il meccanismo delle sanzioni; quello che serve per raggiungere questo obiettivo è una riduzione delle commissioni e dei costi a carico di consumatori ed imprese, anche potenziando lo strumento del credito d’imposta sulle commissioni pagate dall’esercente, e introdurre la gratuità per i cosiddetti micro-pagamenti“.

Ti suggeriamo come approfondimento – Omicidio shock a Napoli, 17enne uccide la madre a coltellate dopo una violenta lite!

Pos obbligatorio: le posizioni di Governo e Parlamento

fisco, pos obbligatorio
Ph presa dalle immagini di repertorio

L’azione di Governo, soprariportata, sembra aver fatto breccia anche tra i rami del Parlamento. Infatti, nella giornata di oggi, è stato accolto un ordine del giorno nel quale si è impegnato a prevedere un credito di imposta del 100%. L’obbligo che scatta è accompagnato da una sanzione di 30 euro; a quest’ultima si aggiunge un 4% dell’importo del valore della transazione per la quale è stata rifiutata l’accettazione del pagamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

nove + 18 =