Sparatoria a Pozzuoli, 51enne ferito da un colpo mentre tornava a casa

0
357
Pozzuoli spari, napoli spari

Pozzuoli spari in strada. Ferito un 51enne pregiudicato. L’uomo, ora in ospedale, ha dichiarato di essere stato affiancato da due sconosciuti in scooter. Aperte le indagini da parte dei Carabinieri che per ora non escludono alcune pista. 

Ti consigliamo come approfondimento – Covid, la variante Delta non si ferma: ecco le novità

Pozzuoli spari: colpito mentre rientrava a casa 

Riforma, Pozzuoli spari È accaduto ieri sera, introno alle 21.30, nella zona di Monterusciello a Pozzuoli. La vittima è Salvatore Aritaco. Un 51enne già noto alle Forze dell’Ordine per essere stato trovato in possesso di 49 grammi di hashish nell’estate del 2019. Aritaco si trovava nei pressi della sua abitazione quando sarebbe stato affiancato da due individui in scooter che hanno sparato due colpi verso di lui e poi sono scappati. Il 51enne ha dichiarato di non averli riconosciuti. Si sarebbe recato poi autonomamente con la sua auto nel pronto soccorso di Santa Maria delle Grazie. Ha riportato una profonda ferita d’arma da fuoco al braccio sinistro, ma il quadro medico non sembra essere grave. È stato questa mattina dimesso con una prognosi di guarigione di 30 giorni. 

Ti consigliamo come approfondimento – Pompei, spari davanti agli Scavi: marito apre il fuoco contro l’ex moglie

Pozzuoli spari: l’avvio delle indagini 

rapinatori rolex, Pozzuoli spari Prima di essere dimesso, i Carabinieri si sono recati dall’uomo per chiarire la dinamica dell’incidente. Sembra esclusa l’ipotesi di una rapina. L’uomo non ha saputo dare una spiegazione sul motivo dell’attentato nei sui confronti. Le Forze dell’Ordine non escludono alcuna pista. La dichiarazione dell’uomo resta al vaglio degli investigatori, mentre i Carabinieri stanno già effettuando accertamenti sul suo circolo di conoscenti. Sul luogo della sparatoria sono stati ritrovati due bossoli appartenenti ad una calibro 9. Si cerca di ricostruire una dinamica. Alla ricerca anche di possibili telecamere che possano almeno aiutare le Forze dell’Ordine ad identificare la targa dello scooter utilizzato dai due aggressori. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × uno =