Premio Nobel per la pace 2022: tra i possibili candidati Zelensky e Greta

0
997
Premio Nobel pace possibili candidati

Premio Nobel pace possibili candidati: domani l’Accademia Svedese annuncerà il vincitore del Premio Nobel per la Pace 2022. Sono stati presentati 343 candidati al premio. Tra di loro sarebbero presenti anche il presidente ucraino Zelensky e Greta Thumberg.

Ti consigliamo come approfondimento-Nobel per la pace 2021: candidatura ufficiale al nostro personale sanitario

Premio Nobel pace possibili candidati: domani l’annuncio

Premio Nobel per la PaceNella giornata di domani l’Accademia Svedese annuncerà il vincitore del Premio Nobel per la Pace 2022. A questa edizione sono stati presentati 343 candidati al premio, 14 in più rispetto allo scorso anno. La cerimonia di assegnazione si terrà il prossimo 10 dicembre a Oslo, in Norvegia. La candidatura al Premio Nobel per la Pace può essere presentata da un qualunque soggetto che rientri nell’elenco previsto dalla Fondazione del Nobel. In teoria chiunque può essere nominato: gli “aventi diritto” non devono sottostare a particolari vincoli nell’indicare un possibile candidato. A differenza degli altri premi Nobel, quello per la Pace viene assegnato in Norvegia e non in Svezia. Il motivo sta nel fatto che all’epoca dell’istituzione dei riconoscimenti, nel 1900, i due Paesi erano ancora uniti.

Ti consigliamo come approfondimento-Premio Nobel per la Pace: il Covid-19 cambia tutto

Premio Nobel pace possibili candidati: le modalità di assegnazione

Le candidature al Premio Nobel vanno presentate entro il 1° febbraio. Durante la prima riunione del Comitato Nobel il Segretario Permanente del comitato presenta l’elenco dei candidati per l’anno in corso. Il Comitato può in tale occasione aggiungere alla lista ulteriori nomi. Da questo momento in poi si inizia la discussione dei singoli candidati. Il Comitato elabora la cosiddetta “short list”, ovvero l’elenco dei candidati selezionati per una considerazione più approfondita. La short list contiene normalmente dai venti ai trenta candidati. Questi vengono presi in esame dai consiglieri permanenti del Nobel Institute. Oltre al direttore dell’istituto e al direttore della ricerca, il corpo dei consiglieri è generalmente composto da un piccolo gruppo di professori universitari norvegesi. Il Comitato prende una decisione solo nell’ultima riunione prima dell’annuncio del Premio all’inizio di ottobre. Di norma si cerca sempre di raggiungere l’unanimità.

Ti consigliamo come approfondimento-Trump Premio Nobel per la Pace? Arriva la folle candidatura

Premio Nobel pace possibili candidati: ecco alcuni probabili

Secondo alcune indiscrezioni rilanciate da esperti, il favorito per la vittoria del Nobel per la Pace 2022 sarebbe il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Non mancano però le critiche sui social su questa possibile vittoria. Infatti, molti contestano al presidente ucraino la volontà di non far cessare la guerra con la Russia. Un altro favorito sarebbe il massimo oppositore politico di Putin in Russia, ossia Alexey Navalny. Questi fu arrestato dalle autorità russe con l’accusa di frode, dopo essere sopravvissuto ad un avvelenamento.  Tra i possibili vincitori c’è anche l’oppositrice bielorussa in esilio, Svetlana Tikhanovskaya. La donna, dopo l’arresto del marito, ha preso il suo posto come leader dell’opposizione bielorussa al presidente Alexander Lukashenko. Tra i nomi sembrerebbe esserci anche Greta Thumberg, la giovane leader del movimento per il clima “Fridays For Future”.

Ti consigliamo come approfondimento-Premio Strega 2020: uomini che spiegano alle donne, tra #metoo e mansplaining

Premio Nobel pace: i vincitori del 2021

Advertere agenzia comunicazione realtà green

Nel 2021 il Premio Nobel per la Pace è andato alla giornalista filippina Maria Ressa e al collega russo Dmitry Muratov. L’Accademia Svedese decise di assegnare loro il prestigioso premio “per i loro sforzi di salvaguardare la libertà di espressione”. Ressa, fondatrice del quotidiano online filippino “Rappler”, è stata più volte incarcerata per essere stata una delle voci più critiche nei confronti del presidente filippino Duterte. È una delle 25 figure di spicco della “Commissione per la democrazia e l’informazione” della Ong “Reporter senza Frontiere”. Muratov è invece uno dei fondatori e caporedattori di “Novaja Gazeta”. Si tratta di giornale russo indipendente noto per le sue inchieste sulle violazioni dei diritti umani in Russia e per le dure critiche sull’operato del presidente Vladimir Putin.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 + diciannove =