Premio Strega 2019: trionfo in rosa per il famoso concorso letterario

0
140
premio strega 2019

In vista della finale del Premio Strega 2019 che si terrà a luglio, c’è un record che riguarda le dodici opere semifinaliste. Ben sette, tra i libri scelti, portano la firma di una donna.

Ti consigliamo come approfondimento – Libri, storia di un profumo: ecco perché amiamo annusarli

Premio Strega: una storia di successi

premio strega“Già da tempo cominciavo a pensare a un nostro premio, un premio che nessuno ancora avesse mai immaginato. L’idea di una giuria vasta e democratica che comprendesse tutti i nostri amici mi sembrava tornar bene per ogni verso; confermava il nuovo acquisto della democrazia Veniva raccontata così la nascita del Premio Strega da Maria Bellonci, scrittrice tra le fondatrici del prestigioso riconoscimento.

Il Premio Strega è uno dei più importanti premi letterari italiani, riconosciuto in Europa e nel mondo. Istituito nel 1947 dalla già citata Maria Bellonci e da Guido Alberti, è legato al liquore Strega di cui porta il nome (e di cui Alberti era proprietario).

Ed è questo che rappresenta ancor oggi il Premio Strega, quest’anno alla sua 73° edizione: innovazione, cultura, storia. Per il 2019 sono state presentate 57 opere (di cui 23 appartenenti ad autrici donne).

Come consuetudine, tra i libri presentati, ne sono stati scelti dodici come semifinalisti dalla giuria “di cultura” chiamata gli Amici della domenica.

Ti consigliamo come approfondimento – Identità e differenza, il genere “si indossa”

Tra i dodici semifinalisti, quest’edizione presenta ben sette opere firmate da autrici donne. Si è superato il numero dello scorso anno (6 opere), segnando dunque per la prima volta una maggioranza al femminile.

Secondo la presidentessa del comitato scientifico, inoltre, i libri semifinalisti presentano un carattere importante: la storicità. Si racconta dell’età napoleonica, del Risorgimento per arrivare al terrorismo e agli anni recenti.

Premiazione ed esito finale

premio stregaLa scelta del vincitore è ora nelle mani dei giurati. Oltre agli Amici della domenica, a votare saranno: una giuria di lettori, 20 voti collettivi da parte di scuole, università e circoli di lettura; 200 voti da parte di studiosi, traduttori e intellettuali italiani e stranieri, selezionati da istituti italiani di cultura all’estero.

Ti consigliamo come approfondimento – Audiolibri: l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti cerca donatori di voce

Le opere semifinaliste sono state:

  • Valerio Aiolli con Nero Ananas (Voland);
  • Claudia Durastanti con La straniera (La nave di Teseo);
  • Paola Cereda con Quella metà di noi (Giulio Perrone Editore);
  • Benedetta Cibrario con Il rumore del mondo (Mondadori);
  • Mauro Covacich con Di chi è questo cuore (La nave di Teseo);
  • Pier Paolo Giannubilo con Il risolutore (Rizzoli);
  • Marina Mander con L’età straniera (Marsilio);
  • Eleonora Marangoni con Lux (Neri Pozza);
  • Cristina Marconi con Città irreale (Ponte alle Grazie);
  • Marco Missiroli con Fedeltà (Einaudi);
  • Antonio Scurati con M. Il figlio del secolo (Bompiani);
  • Nadia Terranova con Addio fantasmi (Einaudi).

Tra queste, ecco le 5 finaliste: Scurati, Cibrario, Missiroli, Durastanti, Terranova. Tre donne e due uomini, risultato che conferma la supremazia femminile per il Premio Strega 2019.

Non ci resta ora di attendere il 4 luglio per scoprire l’opera vincitrice.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here