Napoli, Preside nega agli alunni non vaccinati di partecipare ad uno stage

0
629
Preside nega stage alunni non vaccinati

Preside nega stage alunni non vaccinati: scatta la polemica a Napoli per la decisione del dirigente scolastico. La scuola ha subito una diffida in quanto tale decisione avrebbe provocato emarginazione sociale per gli alunni.

Ti consigliamo come approfondimento-Protocollo Sicurezza Scuola: stabilite le modalità per tornare a Scuola

Preside nega stage alunni non vaccinati: diffidato

Protocollo Sicurezza ScuolaIn un Istituto scolastico di Napoli il dirigente pare abbia negato ad alcuni alunni di partecipare ad uno stage. La motivazione di tale rifiuto sarebbe ricollegato alla non vaccinazione di tali studenti. Ovviamente, è scattata immediatamente la polemica e sembrerebbe che il dirigente sarebbe stato diffidato. La diffida, da quanto si apprende da alcune fonti, sarebbe stata voluta dall’Unione Cure Diritti e Libertà. Il legale dell’associazione, nonché Presidente, Erich Grimaldi, pare abbia diffidato la scuola e abbia minacciato di intraprendere anche un’azione giudiziaria se necessario. Secondo l’associazione il preside vieterebbe in tal modo la partecipazione agli stage d’eccellenza ad alcuni minorenni non vaccinati. Tale provvedimento provocherebbe, secondo l’associazione “l’emarginazione sociale dell’alunno”. Inoltre, quanto accaduto risulterebbe essere in contrasto con l’attuale normativa che non prevede alcun obbligo vaccinale per i minori.

Ti consigliamo come approfondimento-Scuola, Bianchi conferma: “Insegnanti senza green pass saranno sospesi”

Preside nega stage alunni non vaccinati: motivo diffida

Dalla pagina Facebook dell’Unione Cure, Diritti e Libertà

L’avvocato ha, inoltre, voluto sottolineare: “Abbiamo chiesto di revocare con effetto immediato tale illegittimo provvedimento. Senza tale provvedimento sarà consentita la partecipazione di tutti gli alunni meritevoli, non vaccinati, allo stage d’eccellenza. Potremmo rivolgerci alle Autorità giudiziarie competenti, anche al fine di ottenere il risarcimento di tutti i danni subiti e subendi dal minore. Abbiamo invitato Ministero dell’istruzione, Ministero della Salute e Regione Campania ad intervenire ognuno per quanto di propria competenza. Gli interventi per il contenimento del contagio devono sempre essere ancorati ai principi di legalità, legittimità, necessità, proporzionalità e non discriminazione: a maggior ragione con la sopraggiunta cessazione dello stato d’emergenza”. Si attendono possibili novità in merito alla vicenda nelle prossime ore.

Ti consigliamo come approfondimento-Covid e scuola, addio Dad. Da green pass a mascherine: ecco cosa cambia

Preside nega stage alunni non vaccinati: sembrerebbe ingiusto

Decreto sostegni DraghiIl provvedimento sarebbe ingiusto in quanto allo stato attuale non persisterebbe l’obbligo vaccinale nelle scuole e nei viaggi all’estero per i minorenni. Infatti, dal primo aprile è cessato lo stato di emergenza e da allora non era più obbligatorio per gli alunni la vaccinazione. L’obbligo vaccinale e il conseguente utilizzo del Super Green Pass non riguarda studenti ma perlopiù docenti e personale scolastico. Anche se a seguito della fine dello stato d’emergenza in diversi istituti scolastici la situazione non è cambiata. Molti docenti sarebbero tornati a lavoro pur non avendo la vaccinazione e il conseguente Super Green Pass. La maggioranza dei docenti, invece, parrebbe sia stato inserito in organico scolastico a svolgere altre funzioni. Infatti, da alcune fonti ministeriali si apprende che la maggioranza dei docenti no vax siano stati reinseriti in organico amministrativo. Dunque, molti docenti, che non hanno voluto sottoporsi alla vaccinazione avrebbero svolto compiti di segreteria.