Festa del lavoro e dei lavoratori: perché si festeggia il primo maggio?

0
156
Primo maggio

Primo maggio festa dei lavoratori e del lavoro. Le origini di questo giorno di festa risalgono al lontano 1889. Ma perché nasce e perché si festeggia proprio il primo maggio? Scopriamolo assieme in questo articolo.

Ti consigliamo come approfondimento – Geolier, ufficiale la presenza del rapper al concertone del primo Maggio

Primo maggio festa dei lavoratori: che cos’è e perché si festeggia oggi?

Primo maggio festa dei lavoratoriPrimo maggio festa dei lavoratori. Questa giornata festiva ha una lunga tradizione che ha le sue origini a Parigi il 20 luglio del 1889. L’idea venne lanciata durante il congresso della Seconda Internazionale riunitosi in Francia. Venne indetta una grande manifestazione per chiedere alle autorità di ridurre la giornata lavorativa a 8 ore. La scelta del primo maggio non cadde a caso. Nel 1886, ben tre anni prima del congresso, proprio il primo maggio ci fu una manifestazione a Chicago che venne repressa nel sangue. Durante quegli anni i lavoratori non avevano alcun diritto. Si arrivava a lavorare anche 16 ore al giorno senza sosta. Per questi motivi il primo maggio del 1886 venne indetto uno sciopero generale negli USA. Le proteste durarono 3 giorni e culminarono il 4 maggio con il massacro di Haymarket nel quale undici persone persero la vita a Chicago.

Ti consigliamo come approfondimento – Primo Maggio: origini e significato della Festa dei lavoratori

L’iniziativa superò i confini francesi ma nel periodo fascista la festa dei lavoratori venne abolita

Manifestazione no Green pass, Primo maggio festa dei lavoratori
Manifestanti contro il green pass a Roma.
Fonte: YouTube

L’iniziativa presa durante a Parigi superò i confini nazionali diventando il simbolo delle rivendicazioni dei diritti per gli operai. Per questo, nonostante la risposta repressiva di molti governi, il primo maggio dell’anno seguente (1890) si verificarono moltissime adesioni alla manifestazione. Tuttavia, in Italia, nel 1923 il regime fascista abolì il primo maggio facendolo confluire nel Natale di Roma il 21 aprile. Nel 1945, dopo la caduta di Mussolini, l’1 maggio tornò a essere la data simbolo della Festa del lavoro e dei lavoratori.

Ti consigliamo come approfondimento – L’impatto della digitalizzazione sulle carriere dei giovani: il futuro del lavoro in Europa

Le parole di Mattarella per la Festa dei Lavoratori 2024

Mattarella, Primo maggio festa dei lavoratori
Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica Italiana, dal sito ufficiale del Quirinale

Nella giornata di ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in visita a Cosenza non ha potuto non parlare della Festa. Il primo maggio non vuol dire solo concerti e scampagnate. Questa data ha da sempre avuto una forte connotazione politica sui temi del lavoro e della sicurezza. Ed è proprio su questi aspetti che si è soffermato il Presidente della Repubblica. Sergio Mattarella ha sottolineato l’inaccettabilità degli infortuni e delle morti sul lavoro. Ha espresso il suo disappunto per il divario crescente tra il nord e il sud del paese. Inoltre non si è lasciato scappare l’occasione per fare un richiamo a tutti affinché si vigili sul caporalato che sfrutta sempre più i migranti nel nostro paese.