Pronto Soccorso: arriva il nuovo codice per le liste d’attesa

0
786
Pronto Soccorso sanità coprifuoco lazio

Una piccola rivoluzione riguarderà a breve tutti i Pronto Soccorso d’Italia. Si dirà infatti addio ai vecchi codici bianco, verde, giallo o rosso. I nuovi codici utilizzati per ‘filtrare’ i pazienti all’arrivo sono destinati a diventare cinque e di tipo numerico, così come stabilito dalle nuove linee guida sul triage intraospedaliero, proposte dal Ministero della Salute alla conferenza Stato-Regioni. Il Lazio sarà la prima regione a partire a gennaio, con una fase di sperimentazione. L’obiettivo è ridurre i tempi di attesa e diminuire il margine di errori medici.

Ti consigliamo come approfondimento – Medi Teddy: paura della flebo? Arriva l’orsetto nascondi-sacche

Pronto Soccorso: ecco cosa indicano i nuovi codici numerici

Asl Napoli Pronto SoccorsoDunque, nei Pronto Soccorso ci saranno codici da 1 a 5. Ma cosa indicano?

Codice 1: emergenza. Interruzione o compromissione di una o più funzioni vitali.

Codice 2: urgenza. Rischio di compromissione delle funzioni vitali. Condizioni stabili con rischio evolutivo o dolore severo

Codice 3: urgenza differibile. Condizione stabile senza rischio evolutivo con sofferenza e ricaduta sullo stato generale che solitamente richiede prestazioni complesse.

Codice 4: urgenza minore. Condizione stabile senza rischio evolutivo che solitamente richiede prestazioni diagnostico terapeutiche semplici mono-specialistiche.

Codice 5: non urgenza. Problema non urgente o di minima rilevanza clinica.

Ti consigliamo come approfondimento – Explorer: nuovo scanner medico 3D polivalente per la lotta ai tumori

Nuovo codice numerico: ridotti i tempi di attesa al Pronto Soccorso

Le nuove linee guida indicano anche i tempi di attesa massimi, sulla carta. I codici 5, i Asl Napoli Pronto Soccorsovecchi bianchi, dovrebbero essere trattati entro quattro ore dall’arrivo. Per i codici 3 e 4, gli ex verdi, la previsione è che il paziente sia visto entro 60-120 minuti. Per i casi urgenti (codice 2) ci sono 15 minuti a disposizione. Per le emergenze (1) le équipe intervengono in tempo reale. La permanenza in pronto soccorso non potrà superare le otto ore, che diventano 36 per i malati trattenuti in “osservazione breve intensiva”.

L’intervento risolve, almeno nelle intenzioni, soprattutto l’impasse creata nei Pronto Soccorso dal codice verde, che oggi viene attribuito alla stragrande maggioranza dei casi, anche a quelli che in una seconda valutazione risultano più gravi del previsto, creando disagio nelle attese, ma soprattutto nei pazienti valutati male.

Ti consigliamo come approfondimento – Ospedale Cto: lotta alle malattie cardiovascolari con un esame del sangue

Ulteriori novità

Pronto SoccorsoQuella dei codici numerici non è l’unica novità che potresti trovare nei triage. Tra le altre, si riscontra il “See and treat”, cioè un ambulatorio per le urgenze minori e il Fast Track, per i pazienti con codici di urgenza minori che necessitano dell’intervento di un solo specialista, come per esempio l’ortopedico o il dermatologo.

Gli ambienti destinati a pazienti saranno grandi open space, con aree differenziate in base alla tipologia di utenti (bambini, disabili, autosufficienti, accompagnatori), rese confortevoli e attrezzate con di una pluralità di servizi e dotazioni, dai punti ristoro alle piante, dalla filodiffusione alla videoproiezioni.

Anche per i medici e gli infermieri in prima linea si mette in campo il “servizio di psicologia aziendale”, condiviso con gli assistiti. Infine si sottolinea l’utilità dell’apporto di mediatori culturali per agevolare la comunicazione tra operatori sanitari e malati di origine straniera.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × quattro =