Prostituzione e Covid: il mestiere più antico del mondo entra nella fase 2

0
1106
prostituzione

Prima del Covid-19, il mestiere più antico del mondo – la prostituzione – non aveva mai conosciuto crisi. Si tratta di un settore che solo in Italia conta 5 miliardi di euro l’anno. Nonostante la paura dei contagi, il lockdown e le restrizioni, c’è chi ha scelto di non fermarsi per mancanza di alternative, andando incontro a rischi elevatissimi. Chi si è fermato ha subito gravi perdite. Con il lento ritorno alla normalità anche le escort hanno ripreso le loro attività. Le condizioni di sicurezza sono molto differenti tra coloro che sono costrette in strada e quelle che possono “permettersi” di ricevere clienti in appartamento. Come è cambiato il mondo della prostituzione con la pandemia?

Ti consigliamo come approfondimento – Prostitute con albo e partita IVA: la proposta dal Veneto

Il dramma della prostituzione durante il lockdown

ProstituzioneNonostante le restrizioni, le prostitute non sono scomparse. La necessità di guadagnare si è rivelata più forte della paura del contagio. Secondo la Repubblica, 120.000 prostitute da strada, le “invisibili” del mestiere, durante la pandemia si sono trasferite in case fatiscenti. Sono spesso schiave di tratte e sfruttatori, esposte al contagio senza assistenza medica e controlli.

La disperazione gioca un ruolo determinante, non hanno potuto fermarsi e si sono confrontate con un’utenza di basso livello. I clienti erano disposti a pagare di più per non usare precauzioni, anche rischiando la salute. Altre, invece, hanno cercato di utilizzare “metodi alternativi” come telefonate e/o videochiamate erotiche, una sorta di smart working della prostituzione.

Ti consigliamo come approfondimento – Mascherina durante i rapporti sessuali? Lo studio arriva da Harvard

Prostitute e bonus 600 euro

Legalizzazione prostituzione
Foto da Trento Today

Secondo Escort Advisor, il sito di recensioni di escort più visitato in Europa, con oltre due milioni di utenti mensili solo in Italia, il 12% di loro ha presentato domanda all’Inps per il bonus da 600 euro. Queste donne, nonostante negli anni abbiano chiesto a gran voce di poter aprire una propria partita IVA, si sono viste private della loro unica fonte di guadagno. Le spese, come per qualsiasi altra attività, sono rimaste invariate: affitto, bollette e altri costi fissi.

Il tema della legalizzazione del mondo degli incontri a pagamento è sempre vivo nel nostro Paese. Un eterno scontro fra coloro che vedono con favore questa possibilità e altri, invece, che si oppongono. La maggior parte delle sex worker sarebbe favorevole ad aprire una partita IVA, dichiarando allo Stato i proprio guadagni per vedere riconosciuta riconosciuta legalmente la propria professione.

Ti consigliamo come approfondimento – Legalizzazione del sesso a pagamento: favorevoli o contrari?

Il modello svizzero

Legalizzazione prostituzioneL’associazione “Prokore” che riunisce le prostitute svizzere ha stilato un documento in cui vengono indicate alcune disposizioni utili per ridurre il contagio durante il rapporto con i clienti:

  • Areare le stanze per almeno 15 minuti dopo ogni cliente;
  • Lavare lenzuola e asciugamani a una temperatura di almeno 60°;
  • Usare la mascherina;
  • Guanti, preservativi e disinfettanti verrebbero forniti ai bordelli;
  • Ogni incontro dovrebbe durare 15 minuti.

Il documento sconsiglia alle lavoratrici di toccare effetti personali dei clienti. I dati di questi ultimi verranno registrati ai fini della tracciabilità e conservati per quattro settimane.

Ti consigliamo come approfondimento – Amazon diventa hot: arriva la sezione dedicata a eros e sensualità

Kamasutra o Coronasutra?

coronavirusIl Covid-19 ha influenzato anche il modo di consumare un rapporto sessuale. Dunque niente più Kamasutra libero. Per evitare contagi sono consigliabili solo determinate posizioni. Tra queste la classica “pecorina” e quella dello “smorzacandela al contrario”. I contatti ravvicinati tra visi e i baci sono da evitare.

È il momento di lavorare di fantasia, nel rispetto e nella tutela di tutti i partner, congiunti o occasionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sette − 6 =