Napoli, proteste dei tassisti contro la zona rossa in Regione

0
211
proteste taxi napoli

Protesta taxi Napoli. Nel primo giorno in zona rossa per la Campania, sono scattate le proteste dei tassisti, che hanno invaso la città. Ma non sono solo i tassisti a protestare in città: anche i ristoratori e il comparto parrucchieri fanno sentire la loro voce. 

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi, lockdown per velocizzare vaccini: “Coprifuoco alle 20 e zone rosse”

Protesta taxi Napoli: “Siamo stati abbandonati!”

protesta taxi napoliSi sta svolgendo proprio in queste ore una protesta pacifica da parte dei tassisti napoletani. Un corteo silenzioso di centinaia di taxi sta percorrendo a passo d’uomo le strade del capoluogo campano. Il corteo di protesta è partito stamattina dall’aeroporto di Capodichino, luogo un tempo caratterizzato da un intenso flusso di turisti. Ora sta percorrendo via Galileo Ferraris, dirigendosi prima verso il Comune di Napoli in Piazza Municipio e poi verso la Regione Campania a via Santa Lucia. Alla regione i tassisti napoletani chiedono un sostegno economico concreto: la loro situazione economica è drammatica, dopo un anno di incassi ridotti praticamente a zero. Non è stato elargito nessun tipo di ristoro o contributo in quest’anno così difficile, denunciano dalla categoria. “La manifestazione non è appoggiata dalle sigle sindacali principali” spiega Guido Savastano, tra i fautori della protesta. “Ma riguarda la base della categoria.

Ti consigliamo come approfondimento – Speranza annuncia: “Entro l’estate vaccini per tutti gli italiani!”

Non solo i tassisti: tutta la Campania protesta contro la zona rossa

protesta taxi napoli

Ma non sono solo i tassisti a protestare contro l’ingresso della regione Campania in zona rossa. Le nuove restrizioni costringono infatti anche i ristoratori e gli esercizi di servizi alla persona (parrucchieri e centri estetici) ad abbassare le saracinesche per il rischio Covid. Un anno molto difficile per questi comparti, caratterizzato da aperture a singhiozzo, alti costi per la messa in sicurezza dei locali e limitazioni. E le nuove chiusure imposte dall’ultimo DPCM hanno rappresentato il colpo di grazia. “Siamo in ginocchio da un anno, aiutateci a sopravvivere!” protestano gli esponenti dei settori. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti − 14 =