Protocollo ripartenza matrimoni, ok dalle Regioni: ecco quando si partirà

0
214
Matrimoni green pass eliminato

Il protocollo ripartenza matrimoni è stato riaggiornato e approvato dalla Conferenza delle Regioni. Sarà importante mantenere l’elenco dei partecipanti per 14 giorni, indossare la mascherina negli ambienti interni e mantenere la distanza. Il protocollo riguarda anche tutte le altre tipologie di ricevimento.

Ti consigliamo come approfondimento – Matrimonio omosessuale con cittadini stranieri, cosa sapere?

Protocollo ripartenza matrimoni: l’aggiornamento delle norme

protocollo ripartenza matrimoniIl protocollo ripartenza matrimoni è stato aggiornato e approvato dalla Conferenza delle Regioni. Lo scorso mercoledì sono state prese decisioni riguardanti ristorazione, palestre e piscine, cinema e teatri, congressi e fiere. Nella giornata di ieri, invece, è arrivato il turno dei ricevimenti, specialmente quelli seguenti le cerimonie religiose. Nello specifico, si parla maggiormente dei matrimoni, il quale settore è fermo da inizio ottobre.

Le linee guida sono state pubblicate sul sito della Conferenza delle Regioni. “Gli indirizzi operativi contenuti nel precedente documento ‘Linee Guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative’ nella prima versione maggio 2020 si sono dimostrati efficaci per favorire l’applicazione delle misure di prevenzione e contenimento nei diversi settori economici trattati; consentendo una ripresa delle attività economiche e ricreative compatibile con la tutela della salute di utenti e lavoratori“. Così si legge all’inizio del documento.

Ti consigliamo come approfondimento – Matrimoni, Federmep protesta nelle piazze: “Gli unici dimenticati siamo noi”

Protocollo ripartenza matrimoni: ecco cosa prevede

protocollo ripartenza matrimoniIl protocollo ripartenza matrimoni è stato approvato dalla Conferenza delle Regioni. Tuttavia, prima di poter essere applicato a partire da una certa data, avrà bisogno del via del Governo e del CTS. Se passerà il check, potrebbe entrare in vigore tra la fine di maggio e gli inizi di giugno. Le norme applicate lo scorso anno, ritenute efficaci ai fini del contenimento del virus, saranno replicate anche quest’anno. Tra queste:

  • Mantenere l’elenco dei partecipanti per 14 giorni;
  • Riorganizzare spazi, entrate ed uscite per evitare assembramenti e per assicurare la distanza di 1 metro tra gli ospiti;
  • Disporre i tavoli in modo da favorire il distanziamento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti, sia al chiuso che all’aperto.
  • Privilegiare, ove possibile, gli spazi esterni;
  • Assicurare pulizia e disinfezione degli ambienti interni e delle attrezzature prima di ogni utilizzo;
  • Obbligo di mascherina per personale e ospiti (quando non sono seduti a tavolo e negli ambienti esterni);
  • Organizzare il buffet solo con somministrazione da parte di personale incaricato. Gli ospiti non potranno toccare quanto esposto. Il self-service è possibile solo in presenza di prodotti confezionati in monodose. Inoltre, la distribuzione degli alimenti dovrà avvenire in modo tale da evitare assembramenti.
  • È obbligatorio mantenere porte e finestre aperte ove le condizioni metereologiche lo consentono;
  • Nei guardaroba, riporre oggetti e indumenti personali in appositi sacchetti porta abiti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − quattordici =