Puglia, cane abbandonato con un biglietto: “Ci ha distrutto il divano, non possiamo più tenerlo”

0
168
Puglia cane abbandonato divano

Puglia cane abbandonato divano, una vicenda che ha dell’incredibile. Una cagnolina è stata ritrovata per strada con un biglietto di fianco. Quest’ultimo illustrava le motivo dell’abbandono della piccola, assurdo ed ingiustificato. “Ci ha rotto il divano, non possiamo più tenerla“. La piccola cagnolina ha appena quattro mesi. La vicenda si è verificata a Canosa in Puglia. Il soccorso le è stato subito prestato da una sezione locale di Enpa. Riguardo ai padroni le loro motivazioni sono orribili. Un cane non è un oggetto.

Ti suggeriamo come approfondimento – Emergenza caldo, gli animali sono in pericolo

Puglia cane abbandonato divano: la vicenda ed il soccorso di Enpa locale

Puglia cane abbandonato divano
le volontarie di “La bancarella dei pelosi di Canosa” dalla loro pagina Facebook

Abbandonata per strada con un biglietto. “Ci ha rotto il divano, non possiamo tenerla”. Così si giustifica l’abbandono di una cagnolina di quattro mesi. Ridicolo, orribile. Fortunatamente una volta trovata Enpa attraverso una sezione locale si è subito preso cura di lei. Le hanno dato un nome che è Spazzola. Dopo l’intervento di Enpa la cucciola è stata affidata alle cure di un’associazione animalista. Così è stata allontanata da quell’orribile strada. Una seconda vicenda, quella di Cenosa in Puglia, che si unisce ad un’altra, quella del cane Pallino.

Ti suggeriamo come approfondimento – Animali al circo, Italia pronta a dire stop. Ecco la nuova legge delega

Puglia cane abbandonato divano: un altro abbandono a Canosa

Puglia cane abbandonato divano
“Pallino”, dalla pagina Facebook di “La bancarella dei pelosi di Canosa”

Si chiamava Pallino l’altro cane che viene assistito dai volontari dell’associazione animalista di Canosa di Puglia. Si, al passato, perchè purtroppo è morto ieri. Anche quest’ultimo è stato abbandonato in mezzo alla strada. Affetto da diabete e problemi renali. “I padroni non si sognavano nemmeno di curarlo” raccontano i volontari. “Le cure sono costose e via via il costo aumenta sempre di più ma ce ne siamo fatti carico comunque” continuano. “Abbiamo anche organizzato una lotteria per raccogliere i fondi necessari alle sue cure. La sua morte è stata dettata dalla non curanza e mi fermo qui” concludono i volontari de “La bancarella di Pelosi di Canosa”. Se qualcuno dei nostri lettori fosse interessato ad adottare un cane o a sostenere l’associazione, quest’ultima è contattabile su Facebook o al 329 8012232.

Ti consigliamo come approfondimento – Fino a 200 euro se adotti un cane o un gatto: ecco come funziona il “Bonus Felicità”

Puglia cane abbandonato divano: le parole dei volontari

Puglia cane abbandonato divano
Dalla pagina Facebook di “La bancarella dei pelosi di Canosa”

“Nella nostra esperienza abbiamo trovato anche di peggio” raccontano i volontari parlando di Spazzola. “Abbiamo trovato animali gettati nei pozzi o abbandonati in un canile per motivi futili o semplicemente perché malati”. Dichiara Antonella, una delle volontarie. “Stiamo raggiungendo livelli veramente terribili” afferma. “L’estate poi è la stagione in cui gli abbandoni aumentato per questo allo stesso tempo deve essere anche il periodo migliore per adottare” sostiene. “D’estate abbiamo più tempo da dedicare al nuovo arrivato e magari come prima esperienza si può passare una vacanza insieme”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici − quattordici =