Inps, la quarantena non è considerata malattia. Via il 50% dello stipendio

0
456
Quarantena coronavirus

Quarantena coronavirus per il contatto con un positivo non è più considerata un periodo di malattia. La decisione arriva dall’Inps. D’ora in poi chi sarà costretto a periodi di quarantena domiciliare potrà perdere circa la metà dello stipendio.

Ti consigliamo come approfondimento-Stop al lavoro all’aperto dalle 12 alle 16, la richiesta della Cgil a De Luca

Quarantena coronavirus: non più malattia

Covid Cassa integrazioneIn queste ore oltre al già controverso Green Pass obbligatorio, si è palesato un altro problema per i lavoratori. Infatti, il presidente dell’Inps, istituto di previdenza sociale, ha annunciato che la quarantena per contatto con positivo non è più considerata malattia. Pertanto, chi sarà a costretto a restare in casa in isolamento potrebbe perdere circa metà dello stipendio. Infatti, poiché il periodo può essere di circa 14 giorni, la legge precedente alla pandemia stabiliva che in un periodo tale è possibile decurtare il 50% dello stipendio. Quindi, si potrebbe dire che adesso oltre al danno anche la beffa per coloro che saranno costretti all’isolamento domiciliare. Il presidente dell’Inps Tridico ha annunciato tale decisione in una nota ufficiale. Infatti, ha detto: “Il legislatore non ha previsto un nuovo stanziamento per prorogare la tutela della quarantena”.

Ti consigliamo come approfondimento-Green Pass obbligatorio da oggi, critiche dai social: “Come le leggi razziali”

Quarantena coronavirus e Green Pass

green pass obbligatorio
Dall’account Twitter Palazzo Chigi

Tale decisione arriva, come detto, già in una situazione controversa e dibattuta a seguito dell’obbligatorietà del Green Pass. Infatti, da circa una settimana è stato adottato l’obbligo dell’utilizzo del Green Pass per accedere ai luoghi pubblici al chiuso. Difatti, senza il Green Pass non è possibile accedere a bar, ristoranti, musei, piscine e palestre al chiuso. Inoltre, da settembre sarà anche obbligatorio per accedere ad alcuni posti di lavoro, sui mezzi pubblici e nelle scuole. Per tali decisioni negli ultimi giorni ci sono stati scioperi contro il Green Pass accusando il governo di limitare la libertà personale di vaccinarsi. Anche perché in alcune aziende è stato vietato l’accesso alla mensa aziendale di coloro che sono sprovvisti di Green Pass. Le aziende dovranno, pertanto, assicurarsi che tutti i lavoratori siano vaccinati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 + 11 =