Covid-19: quarta ondata inevitabile? L’allarme del virologo Gentile

0
138
quarta ondata virologo gentile
dalla pagina facebook di Ivan Gentile

Quarta ondata virologo Gentile: mente in Italia la campagna vaccinale prosegue a rilento, è allarme quarta ondata. Secondo quanto affermato all’Ansa da Ivan Gentile, virologo presso il II Policlinico e direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie Infettive e Tropicali dell’Università Federico II di Napoli, in autunno ci potrebbe essere una quarta ondata. Il motivo? La scarsa quantità di vaccini non sufficiente a ricoprire l’intera popolazione.

Ti consigliamo questo approfondimento – L’Italia cambia rotta sul vaccino AstraZeneca: “raccomandato” solo agli over 60

Quarta ondata virologo Gentile: “L’entità della quarta ondata dipenderà da quanto si vaccinerà!”

Ripresa AstraZeneca, quarta ondata virologo gentileSecondo il virologo Ivan Gentile nel nostro Paese è stato messo in campo un’eccezionale sistema di vaccinazione. Nonostante questo la disponibilità di vaccini è però insufficiente a coprire tutti i cittadini. Ciò è causa del rallentamento dell’intero ritmo di immunizzazione. La mancanza di vaccini quindi potrebbe farci trovare difronte a una quarta ondata. Secondo Gentile l’entità di questa dipenderà da quanto si riuscirà a vaccinare in estate.

Ti consigliamo questo approfondimento – Cosa comporta la rinuncia al vaccino Covid e come farla

Per il virologo è necessario dunque vaccinare gli anziani sopra i 60 anni e le categorie fragili. Ribadisce infatti che malgrado al Policlinico la campagna vaccinale vada avanti dal 2 gennaio le dosi sono tuttavia insufficienti. Bisogna quindi sfruttare i prossimi mesi per andare meglio. In caso contrario potremmo trovarci a fronteggiare una quarta ondata. Secondo quanto detto all’Ansa Gentile si sarebbe aspettato un ritmo diverso, cosa che, ha a che fare con la produzione e con il sistema contrattuale.

Ti consigliamo questo approfondimento – Vaccini gratis: la Serbia invita gli stranieri, è possibile prenotarsi online

Si aspetta intanto il vaccino Johnson & Johnson

thierry breton immunità vaxzevria, quarta ondata virologo gentileDopo l’approvazione da parte dell’AIFA e dell’EMA, si aspetta l’arrivo del vaccino Johnson & Johnson previsto, appunto, per metà aprile. Questo è un vaccino monodose e non necessita quindi del secondo richiamo. Secondo l’attuale piano vaccinale nel secondo trimestre di quest’anno dovrebbero essere consegnate circa 7,3 milioni di dosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dieci − sei =