Rachitismo infantile: sintomi, diagnosi e terapie

0
494
rachitismo

Il rachitismo rappresenta una condizione patologica propria dell’età pediatrica, susseguente a un deficit di vitamina D o calcio, in grado di condurre a ridotto accrescimento staturale. Le manifestazioni principali del rachitismo comprendono alterazioni scheletrichedeformità a carico degli arti inferiori, dolori ossei e tendinei, ritardo nella crescita e ascessi dentali.

Ti consigliamo come approfondimento – Manovra di Heimlich: come salvare la vita a bambini e adulti

Rachitismo: i sintomi

rachitismo popolazione mondiale terapia genica coronavirusLa crescita normale dell’osso dipende altamente dai livelli adeguati del siero di vitamina D, così l’insufficienza o la carenza di questa vitamina è collegata allo sviluppo dei sintomi e della deformità osteomuscolari in bambini, compreso il rachitismo.

I primi segni clinici della malattia compaiono durante il primo o secondo anno di vita. Questi si manifestano con indebolimento osseo dell’occipitale e delle parietali (craniotabe) craniche; accentuazione delle bozze frontali; rosario rachitico (aumento delle giunzioni condrocostali); petto carenato (petto proiettato in avanti). Con l’avanzare dell’età compaiono ingrossamenti delle metafisi delle ossa lunghe (polsi e caviglie); e con l’aumento delle sollecitazioni sugli arti inferiori si manifesta varismo accentuato (incurvamento delle diafisi di femori, tibie e peroni). Ma non solo. Spesso i bambini ritardano ad alzarsi in piedi e si affaticano facilmente. Inoltre sono soggetti a raffreddori e influenze; la deformazione della cassa toracica rende difficile la respirazione, con conseguenti infiammazioni (bronchite, broncopolmonite). Il primo sintomo spesso lo si vede nella cute che risulta essere molto delicata. Se vi si passa sopra con un dito compaiono strisce rosse (dermografismo rosso).

Ti consigliamo come approfondimento – Coronavirus e malattia di Kawasaki: il mistero dei bambini colpiti

Rachitismo: la diagnosi

rachitismo diabete Asl Napoli regione sla campania festa della donna coronavirus CoVFASTLa diagnosi del rachitismo viene posta sulla base delle indagini effettuate nel sangue e nelle urine, oltre che sulla base dei referti radiografici. Le indagini radiologiche, infatti, sono in grado di evidenziare un’insufficiente mineralizzazione ossea a livello della cartilagine dell’epifisi (estremità di un osso lungo interamente cartilaginea), di accrescimento e ossea.

Ti consigliamo come approfondimento – Terapia genica, Napoli prima in Italia:due bambini riacquistano la vista

Rachitismo: le terapie

rachitismo aids dieta mediterranea Napoli tatuaggi cancro covid-19 coronavirus CoVFASTUna volta intercettato, il deficit può essere corretto mediante l’assunzione per via orale di sali di fosfato inorganico e metaboliti della vitamina D, di solito sotto forma di calcitriolo, fino al completamento della fase di crescita. I pazienti devono essere attentamente monitorati durante il trattamento per prevenire l’ipercalciuria e la nefrocalcinosi, possibili complicanze secondarie alla terapia. In caso di crescita ossea anomala, invece, il trattamento è di tipo chirurgico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × cinque =