Raffaele La Capria è morto: storico scrittore, vinse il Premio Strega raccontando di Napoli al mondo intero

0
1139
Raffaele La Capria morto,
Fonte: Wikipedia

Raffaele La Capria morto, un lutto immenso per il napoletano. Scompare a Roma, all’età di 99 anni, il premio strega di “Feriti a morte”. Scompare uno scrittore che con la sua penna raccontò Napoli al mondo in ogni suo testo. Scompare uno degli scrittori più illustri del ‘900, un napoletano che ha amato la sua città fino all’ultima parola scritta. L’uomo che dipinse Napoli e una generazione con una penna tra le mani non c’è più, un lutto per una città, un lutto per un popolo intero. Addio Raffaele, da un napoletano che scrive.

Ti consigliamo come approfondimento – Mediterraneo wine & food and travel: presentata a Napoli la prima edizione

Raffaele La Capria morto: chi era lo scrittore napoletano

Raffaele La Capria morto, Napoli Giorgio Longobardi,Raffaele La Capria è morto oggi, a Roma, all’età di 99 anni. Ma chi era Raffaele La Capria e perché la sua morte ha scosso così tanto una città intera? La Capria ha rappresentato una delle firme storiche dell’Italia di tutto il ‘900. Con la sua morte scompare un pezzo di storia della scrittura italiana del secolo scorso. Inoltre, per il popolo napoletano, scompare quello scrittore che dipinse la città e la generazione del 1961 con una penna. Una descrizione così sublime che gli permise di vincere il premio strega con “Ferito a Morte”. Un racconto della città e del suo popolo tra sbalzi temporali che attraversavano un decennio intero. Ma il premio Strega non è l’unico riconoscimento ottenuto da La Capria nel corso della sua carriera.

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, “Van Gogh Multimedia e la Stanza segreta”

Raffaele La Capria morto: le sue opere e i premi che lo raccontano

Raffaele La Capria morto,
Fonte: Wikipedia

Se il Premio Strega vinto da Raffaele La Capria nel 1961 con “Feriti a Morte” non bastasse per rendere l’idea dello scrittore, elenchiamo allora gli altri riconoscimenti che ha ricevuto. Nel 2001 Raffaele La Capria riceve il Premio Campiello per la sua carriera da scrittore. L’anno dopo, nel 2002, il Premio Chiara. Si passa poi al 2005 quando riceve il Premio Viareggio per la raccolta di scritti intitolata “L’estro quotidiano”. Infine, nel 2011 e nel 2012, vince rispettivamente i premi Alabarda d‘oro e Premio Brancati. Ciò che rende unico lo scrittore sono però i suoi testi. Capaci di raccontare vizi e virtù di una città intera.

Ti suggeriamo come approfondimento – ‘Mann, che storia’ in edicola il libro che racconta Napoli attraverso l’arte

Raffaele La Capria morto: non solo scrittore ma anche giornalista, autore e sceneggiatore

Raffaele La Capria morto, Napoli Film Festival, sanremo 2021 proposta discograficiLa carriera di Raffaele La Capria non si ferma però soltanto ai testi scritti. Raffaele infatti era anche un giornalista, autore e sceneggiatore. Durante la sua carriera ha collaborato con storiche testate come “Il Mondo”, “Tempo Presente” e soprattutto “Corriere della Sera”. Dagli anni ’90 è stato poi condirettore di “Nuovi Argomenti” una rivista letteraria italiana.  Ha inoltre collaborato con la Rai sia in veste di autore che di co-sceneggiatore. La sua firma si trova in numerosi radiodrammi e film. Tra questi “Le mani sulla città” o “Uomini contro”. Ancora altre opere come “Ferdinando e Carolina”, “Amore e psiche”, “La neve del Vesuvio”, “Un giorno d’impazienza”, “L’amorosa inchiesta”. Potremmo stare qui ad elencarne ancora e ancora. Perché Raffaele è storia e come tale ha tantissimo da raccontare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattordici − quattro =