Picchia la madre per 10 euro: gli servono per comprare la droga

0
418
ragazzo picchia madre

Ragazzo picchia madre e la minaccia di morte – succede a Ercolano, in Campania. Al giovane servono 10 euro per comprare della droga. Si tratta dell’ultimo episodio di violenza nella loro famiglia: le angherie, infatti, durano da tempo. Il 31enne, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato arrestato nonostante la madre non abbia mai avuto il coraggio di denunciare.

Ti consigliamo come approfondimento – Aggressione omofoba a Ferrara, neofascisti: “Mussolini vi brucerebbe tutti”

Ragazzo picchia madre per comprare la droga

Donna massacrata pugniSoli 10 euro: questa è la somma di denaro che ha indotto un 31enne a picchiare violentemente la propria mamma. È successo a Ercolano, comune in provincia di Napoli. Stando a ciò che hanno ricostruito gli investigatori, però, questa è stata l’ultima di una serie di maltrattamenti in quella famiglia. Il giovane, infatti, acquistava regolarmente grammi di droga. Il denaro lo trovava nelle tasche della madre, che frugava usando le maniere forti. Lei non avrebbe mai avuto il coraggio di denunciare gli atti subiti, ma ora è tutto finito. I militari dell’Arma della Tenenza di Ercolano hanno provveduto a mettere le manette ai polsi del 31enne. Accusato di maltrattamenti ai danni della famiglia ed estorsione, ora è in attesa di giudizio in carcere. L’uomo era già noto alle Forze dell’Ordine, che sono intervenute nonostante il silenzio della madre di lui.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, decine di minorenni in coma etilico: locali multati e chiusi da Polizia

Ragazzo picchia madre: il problema della tossicodipendenza

lega indagato drogaLa dipendenza dalla droga è un problema fin troppo attuale. Ogni giorno in troppi si accostano alle sostanze stupefacenti, seppur per motivi differenti fra loro. Chi spinto dalla curiosità, chi obbligato da terzi, è costretto a precipitare in quel baratro spaventoso. La dipendenza si sviluppa a causa delle reazioni che il corpo subisce una volta assunta la droga. Dall’euforia quasi angelica si passa alla perdita di memoria e alterazione del funzionamento degli organi sensoriali. Alcuni gravitano verso l’anoressia, altri perdono totalmente il sonno e sprofondano nello stress. Il primo passo per uscire fuori dal tunnel e rivedere la luce del sole è smettere di far uso di tali sostanze. Deve poi seguire un percorso con un esperto psicoterapeuta, modellando gli effetti collaterali della mancanza di euforia con una terapia farmacologica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 − tre =