Tragedia in una scuola: un giovane cade dal tetto mentre scattava un selfie

0
1061
Ragazzo precipita tetto scuola

Ragazzo precipita tetto scuola: tragico evento avvenuto tra venerdì e sabato in provincia di Firenze. Il ragazzo di 20 anni è morto dopo una giornata trascorsa in ospedale. Le dinamiche del tragico episodio sono ancora da determinare.

Ti consigliamo come approfondimento-Piccola Fatima lanciata giù dal balcone: l’autopsia incastra il patrigno

Ragazzo precipita tetto scuola: tragedia durante una bravata

Ragazzo precipita tetto scuolaUn ragazzo di 20 anni, Roberto Frezza, è morto all’ospedale di Careggi, in provincia di Firenze. Il giovane era caduto nella notte tra venerdì e sabato dal tetto della scuola “Isis Gobetti Volta”. Il ventenne era giunto nella sua ex scuola insieme ad un amico per una bravata. Il ragazzo, in seguito, alla caduta è stato trasportato immediatamente in ospedale in condizioni gravissime. A seguito di diverse operazioni e dopo un peggioramento delle condizioni, questa mattina è morto. L’amico del ventenne è stato ascoltato per diverse ore dalle Forze dell’Ordine. Le dinamiche dell’episodio restano ancora molto incerte. Le indagini sono condotte dai Carabinieri e coordinate dal sostituto procuratore Massimo Bonfiglio.

Ti consigliamo come approfondimento-Bimba di 3 anni, sola in casa, cade dal balcone: sedata in terapia intensiva

Ragazzo precipita tetto scuola: dinamiche da accertare

allievi carabinieri campana, pomigliano d'arco operaio mortoDalle prime ricostruzioni in base alla testimonianza dell’altro ragazzo i due si sarebbero introdotti furtivamente nell’edificio scolastico. In seguito, i due sono saliti sul tetto dell’edificio dalla scala antincendio. Una volta saliti per mostrare probabilmente agli amici la bravata hanno iniziato a scattarsi delle foto e per girare un video. Ma durante lo scatto di uno dei selfie, il giovane ventenne pare abbia messo il piede nel vuoto e sia precipitato per diversi metri. L’amico ha raccontato agli agenti: “Mi ha detto vieni, si va a vedere la scuola dove ho studiato. C’è una specie di muretto da saltare per arrivare alla piattaforma calpestabile della scala in metallo, il tutto coperto da una tettoia in lamiera. Io nel buio a un certo punto non l’ho più visto, l’ho chiamato forte, più volte, sono sceso giù a rotta di collo e l’ho trovato disteso”. Si attendono novità nelle prossime ore.