Rapinato il figlio di Salvini: arrestati dalla Polizia due giovani di origini egiziane

0
699
Rapina figlio Salvini

Rapina figlio Salvini: il figlio del ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini è stato rapinato del cellulare. La rapina è avvenuta lo scorso 23 dicembre. Questa mattina sono stati fermati due giovani di 21 e 26 anni di origine egiziana

Ti consigliamo come approfondimento-Gianluca Vialli morto a 58 anni il capo delegazione ed ex attaccante degli azzurri

Rapina figlio Salvini: arrestati due giovani egiziani

Salvini Meloni elezioni,
Dalla pagina Facebook ufficiale di Giorgia Meloni

Questa mattina la Polizia di Stato, coordinata dalla Procura di Milano, ha arrestato due giovani di origine egiziana, rispettivamente di 21 e 26 anni. I due sono accusati di aver rapinato del cellulare, lo scorso 23 dicembre, Federico, il figlio diciannovenne del leader della Lega Matteo Salvini. La rapina avvenne in via Jacopo Palma. L’ordinanza è stata firmata dal gip Domenico Santoro su richiesta del Pm Barbara Benzi. Il ventunenne è stato riconosciuto dalla vittima come autore materiale della rapina. Mentre il complice, secondo la ricostruzione, è stato individuato come colui che avrebbe fatto da ’palo’. Il figlio di Salvini era stato minacciato con un coccio di bottiglia. I due ragazzi sono stati fermati e posti sotto arresto.

Ti consigliamo come approfondimento-Sito di Charlie Hebdo hackerato dopo una vignetta satirica contro l’Iran

Rapina figlio Salvini: i gradi di accusa

, napoli tabaccaio arrestato, laura ziliani figlie arrestate, Bari reddito cittadinanza, assalto cgil arrestato franzoni,Secondo il giudice esistono, oltre che “gravi indizi di colpevolezza”, “rilevantissime esigenze cautelari”. Inoltre, si evidenziano specifiche modalità e circostanze con cui sono avvenuti i fatti definiti particolarmente allarmanti. Inoltre, è stata evidenziata una negativa personalità dei due presunti rapinatori. Secondo gli inquirenti c’è il rischio che i due possano compiere lo stesso reato. I due potrebbero compiere rapine con l’uso di armi o altri mezzi di violenza personale e, in particolare, di criminalità organizzata. In più, il gip ha ravvisato come i due possano facilmente far perdere le loro tracce. Data l’elevata capacità di movimento palesata desumibile dai controlli eseguiti nei loro confronti a Milano ma anche in altre province della Lombardia. Sono stati evidenziati i diversi ’alias’ usati e la tempestività con cui hanno inserito una nuova Sim nel cellulare sottratto alla loro vittima.
Ti consigliamo come approfondimento-Lite tra vicini finisce in omicidio: 59enne assale con la ruspa la villetta e viene sparato

Rapina figlio Salvini: i rischi per i due giovani

pulizia covid-19 calabria autodichiarazione, concorso cancellieri esperti decreto legge pasqua, riforma giustizia processo penale, processo clan mascitelli reddito cittadinanza, cina magistrato robotInoltre, nel provvedimento è stata evidenziata l’assenza di capacità di autocontrollo. Questa si evince, non solo dai loro pregressi reati, ma anche dalle connotazioni violente. Queste sarebbero le connotazioni con cui pare abbiano a segno la rapina. Ciò si evidenzia anche dalla discussione di uno dei due con il titolare del negozio di parrucchiere per farsi restituire il telefono che, la sera stessa dell’aggressione, aveva nascosto sotto un divano. Il cellulare lo aveva nascosto dopo essere entrato nel negozio con la scusa di farsi tagliare i capelli. Tutte queste potrebbero essere aggravanti per i due giovani. Bisognerà attendere la convalida dell’arresto da parte del Gip.