Razzismo a Buckingham Palace: dama cacciata per commenti razzisti. Harry e Megan avevano ragione?

0
56
Razzismo Buckingham Palace

Razzismo Buckingham Palace: dama di compagnia di Elisabetta II costretta a dimettersi per alcune frasi razziste. La donna sarebbe anche la madrina del principe erede al trono William. Duro il commento dell’erede al trono sulla vicenda.

Ti consigliamo come approfondimento-Il Principe Harry tradito da Meghan: aveva una relazione con la guardia del corpo

Razzismo Buckingham Palace: conversazione razzista

Lady Susan Hussey, principale dama di compagnia di Elisabetta II, è stata costretta a dimettersi da Buckingham Palace. La donna sarebbe accusata di aver chiesto con insistenza a un’ospite inglese di colore a Buckingham Palace quali fossero le sue vere origini. L’episodio razzista è avvenuto martedì scorso, durante un ricevimento organizzato dalla regina consorte Camilla. Si trattava di un’iniziativa contro gli abusi domestici. Tra le oltre 300 invitate, c’erano nomi illustri come Rania di Giordania e Mary di Danimarca. Ma a fare notizia è stata un’attivista inglese di colore, la poco nota Ngozi Fulani.  La Hussey si era avvicinata e aveva subito spostato con la sua mano i capelli dell’ospite per leggere la targhetta con il nome. La Fulani si è sentita chiedere con insistenza quali fossero le “sue vere origini. Lady Susan ha insistito a chiederle: “Ma da quale paese africano provieni ?”.

Ti consigliamo come approfondimento-Dopo la morte di Rebellin, è evidente che serve la legge “salva ciclisti”: ecco in cosa consiste

Razzismo Buckingham Palace: dama allontanata

Re Carlo uova
Dalla pagina FB ufficiale: The Royal Family

Quando Ngozi Fulani ha raccontato sui social l’accaduto, i collaboratori di re Carlo si sono affrettati a correre ai ripari. Infatti, i commenti dell’ottantatreenne Lady Susan sono stati condannati immediatamente. Di conseguenza, la Hussey è stata subito costretta a dare le dimissioni e ad allontanarsi dalla corte. Un duro colpo per l’ex dama di compagnia della regina Elisabetta. La donna era considerata dai royal watcher inglesi come la più importante e preparata a livello diplomatico. Dagli Usa dove si trova in visita con Kate per l’assegnazione dei premi Earshot per l’ambiente, è intervenuto il principe William. Attraverso un portavoce, il principe ha detto: “Il razzismo non può esistere nella nostra società, i commenti fatti sono inaccettabili ed è giusto che l’individuo in questione si sia dimesso”. Anche se quell’“individuo” di cui parla è in realtà una sua madrina a cui è molto affezionato.

Ti consigliamo come approfondimento-Il governo Meloni valuta di modificare la clausola sui figli in “Opzione Donna”

Razzismo Buckingham Palace: avevano ragione Harry e Meghan?

Meghan principe Harry tradimento
Fonte: Wikipedia

Allora bisogna credere che probabilmente Harry e Megan avevano ragione. Da Montecito, in California, non sono arrivati commenti ma l’episodio sembra confermare le accuse fatte lo scorso anno dai due. Infatti, la coppia durante un’intervista a Oprah Winfrey parlò di diversi episodi di razzismo nella famiglia reale. Rivelarono che prima della nascita del primogenito Archie, un Royal aveva chiesto quale sarebbe stato il colore della sua pelle. Peraltro, Lady Susan Hussey era stata la dama di compagnia assegnata a Meghan nel 2017, al suo arrivo alla corte inglese, per insegnarle il bon ton. Probabile che il commento sia arrivato dalla stessa Lady Hussey. Al momento nessun’altra notizia o commento proveniente da Buckingham Palace e dagli USA.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dieci − 8 =