Reddito alimentare per le famiglie: così il Governo contrasta la povertà e lo spreco di cibo

0
579
Reddito alimentare famiglie

Reddito alimentare famiglie, questa la nuova manovra a sostegno dei nuclei familiari più bisognosi. Si tratta di un reddito che prevede pacchi di cibo a chi ne ha bisogno. Una misura rivolta a chi è in difficoltà per aiutarli nell’acquisto di prodotti alimentari. Non è un bonus bensì si tratta di pacchi veri e propri. Saranno forniti nelle grandi città. La manovra è stata introdotta in seguito alle modifiche della legge di Bilancio appena approvata.

Ti consigliamo come approfondimento – “Cibo e salute, Italia regina della buona alimentazione”, intervista a Renato Bernardi

Reddito alimentare famiglie: a chi spetta e come ottenerlo

Reddito alimentare famigliePer ottenere il reddito alimentare, ovvero questi pacchi di prodotti bisognerà rispettare alcuni requisiti. Tra questi quello di trovarsi in povertà assoluta. Una manovra che mira non solo al sostegno delle famiglie più bisognose ma anche al contrasto allo spreco di cibo invenduto. I criteri per accedervi sono ancora da stabilire. Per prenotare i pacchi sarà messa a disposizione un’applicazione. Attraverso quest’ultima il beneficiario sarà aggiornato sulla situazione del pacco e saprà quando e dove ritirarlo. Si ipotizza che, oltre ai più bisognosi, all’interno della manovra siano compresi anche i soggetti più fragili.

Ti consigliamo come approfondimento – “Cibo e salute, Italia regina della buona alimentazione”, intervista a Renato Bernardi

Reddito alimentare famiglie: quando sarà disponibile

Reddito alimentare famiglieLa domanda che ora sorge è una: quando sarà messo a disposizione questo bonus? I tempi della politica si conoscono. Quelli della burocrazia italiana ancora di più. Tuttavia, la stima fatta prevede che entro 60 giorni dall’approvazione della manovra si possano avere a disposizione. Ciò che resta da definire sono le modalità attuative del reddito e la platea che sarà coinvolta. Per quanto riguarda la distribuzione, nel decreto si legge, sarà affidata al terzo settore. Quest’ultimo dunque sarà incaricato della distribuzione dei pacchi alimentari. Che, al momento, sarà disponibili solo in alcune città per testarne l’efficacia.

Ti consigliamo come approfondimento – Insetti alimentari, il cibo del futuro? Arrivano i primi ok dall’Europa

Reddito alimentare famiglie: dove saranno disponibili

Reddito alimentare famiglieIl reddito alimentare non partirà subito a disposizione di tutta Italia. Si è infatti optato per testare questa manovra in alcune aree. Quindi, prima di diventare effettivamente per tutti, dovrà superare una fase sperimentale. Al momento, le aree indicate, risultano essere le città metropolitane. Dunque, la manovra, all’inizio, renderà disponibile richiedere ed ottenere il bonus soltanto nelle città più grandi d’Italia. Nel caso poi dovesse superare questa prima fase allora l’area in cui sarà ottenibile si espanderà. Una decisione presa al fine di monitorare, probabilmente, spese, costi e conseguenze di questo reddito.