Reddito di cittadinanza, sospesi i pagamenti e molti dovranno restituirne una parte: ecco chi

0
229
reddito cittadinanza sospeso, pos bloccati oggi

Per il Reddito cittadinanza sospeso il pagamento del mese di aprile per tutti coloro che non hanno regolarmente presentato la certificazione ISEE necessaria per il rinnovo. Tra l’altro, è previsto un conguaglio per tutti coloro che hanno percepito nel mese di febbraio un importo superiore rispetto a quanto realmente spettasse. Queste le decisioni dell’INPS a seguito del comunicato stampa pubblicato il 6 aprile 2022. Di seguito tutti i dettagli.

Ti consigliamo come approfondimento – Incentivi auto 2022: fino a 5000€ anche per veicoli commerciali e due ruote

Reddito cittadinanza sospeso: che succede?

incentivi auto 2022, reddito cittadinanza sospesoI pagamenti del mese di aprile – corrispondenti dunque alla mensilità di marzo – sono stati sospesi per alcuni percettori. Ciò a causa della mancata presentazione della nuova Dichiarazione Sostitutiva Unica. La DSU è necessaria per richiedere l’ISEE ordinario, che si ricorda dev’essere inferiore al valore di 9360 euro per i nuclei familiari richiedenti.

Di seguito il comunicato INPS che riporta tutte le informazioni sopra esposte: “L’Inps informa che sono ancora sospese le rate di reddito e pensione di cittadinanza per i beneficiari che non sono in possesso di un ISEE valido per l’anno 2022. Il pagamento del beneficio riprenderà, quindi, solo a seguito della presentazione della nuova Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU)”.

Ti consigliamo come approfondimento – La frase shock di Draghi sul gas e la guerra: “Volete la pace o condizionatori accesi?”

Non solo Reddito cittadinanza sospeso: ecco la novità

agenzia delle entrate circolare decreto ristori Inps Regione Campania reddito di emergenza, bonus donne disoccupate 2021, bonus affitti contributo fondo perduto, reddito cittadinanza sospesoOltre al reddito cittadinanza sospeso, la nuova disposizione dell’INPS avvisa tutti i percettori che: “Sulla mensilità di marzo (in pagamento ad aprile), per alcuni beneficiari di reddito e pensione di cittadinanza, sarà applicato un conguaglio a compensazione di quanto ricevuto in più nel mese di febbraio. Ciò per la mancata applicazione del ricalcolo dell’assegno in presenza di altre prestazioni assistenziali. Il debito sarà rateizzato e sarà garantito un importo minimo nei casi di conguagli negativi superiori all’importo della rata stessa. Le operazioni di conguaglio si concluderanno nei prossimi giorni.

Ovvero, in vista dei cambiamenti apportati dall’Istituto ai fini del calcolo del sussidio, molti percettori dovranno sostituire la parte del pagamento eccedente a quanto effettivamente di diritto. Di seguito maggiori dettagli sulle misure assistenziali considerate rilevanti per il calcolo.

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi a Torino, patto da 3,2 miliardi per città e regione. Ma i Torinesi lo contestano

Nuove regole Reddito di cittadinanza: come viene ricalcolato il sussidio?

Furbetti reddito cittadinanza, reddito cittadinanza sospesoLe nuove norme per il ricalcolo del sussidio Rdc, in vigore già da gennaio, apporteranno ad alcuni percettori una riduzione della rata per il mese di aprile. Il taglio sarebbe dovuto essere attivo già per la mensilità di febbraio (e dunque per i pagamenti di marzo). Tuttavia, il mese scorso molti hanno ricevuto più della somma prestabilita.

Le nuove regole Inps per il calcolo dell’Rdc tengono infatti conto anche di altre misure assistenziali per il calcolo di quanto necessita ai nuclei familiari percettori. Nello specifico, tra le varie misure conteggiate, vengono considerate rilevanti ai fini del calcolo (e dunque della riduzione):

• La Quattordicesima ed eventuali incrementi pensionistici, che vengono applicati a soggetti in particolari condizioni di reddito;
Assegni familiari;
Assegni sociali;
Carta acquisti.

Non viene inserita nel ricalcolo dunque l’indennità di accompagnamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

19 − 10 =