Referendum giustizia, al voto il 12 giugno. Ecco i cinque quesiti su cui nessuno sa di dover votare

0
123
referendum elezioni election day Ciro campana Autonomia election day

Il 12 giugno sarà il giorno del referendum giustizia, anche se molti non lo sanno. Non solo, infatti, ci saranno le elezioni amministrative in molti comuni e in importanti capoluoghi di provincia, ma anche il voto sui referendum per la “giustizia giusta”. Ma di che si tratta? Vediamo in dettaglio.

Ti consigliamo come approfondimento – Referendum Cannabis, l’intervista ad Antonella Soldo di #megliolegale

Referendum giustizia: l’inizio e la raccolta firme

consiglio di stato, concorso cancellieri esperti, riforma giustizia processo penale, referendum giustiziaEstate 2021. I Radicali, insieme ad altri componenti, danno vita al comitato promotore “Giustizia giusta”. Tra i promotori, al fianco del Partito Radicale, molti giovani: la Federazione dei Giovani Socialisti, la Federazione Giovanile Repubblicana, la Gioventù Liberale Italiana e altre. Anche partiti, come la Lega Nord, Forza Italia, Più Europa ed il Nuovo PSI di Caldoro. Molto attivo anche il famigerato fronte dei laici: il PSI di Nencini, Partito Repubblicano Italiano e Partito Liberale Italiano. Non mancano componenti civiche, come l’Unione delle Camere Penali e la Fondazione Craxi.

I quesiti erano sei. Si andava dalla modifica delle norme sul CSM alle norme sulla custodia cautelare. Ma si spaziava passando per la responsabilità diretta dei magistrati, per la valutazione equa dei magistrati e per la separazione delle carriere. Nodo particolare, la revisione della legge Severino.

La raccolta firme è stata fatta nello stesso periodo dei referendum per la legalizzazione di eutanasia e cannabis e per l’abolizione di caccia e pesca. La raccolta ha superato la fatidica soglia dei 500.000, finendo dinnanzi alla corte costituzionale. La Corte ne ha ammessi cinque su sei, che saranno votati il 12 giugno.

Ti consigliamo come approfondimento – Governo Draghi alle corde sulla riforma della Giustizia, rischio crisi? 

Referendum giustizia: i protagonisti e la conoscenza del referendum

pulizia covid-19 calabria autodichiarazione, concorso cancellieri esperti decreto legge pasqua, riforma giustizia processo penale, processo clan mascitelli reddito cittadinanza, cina magistrato robotTra critiche, polemiche e scientifico silenzio, il referendum non è stato molto diffuso a livello mediatico. I partiti ne parlano pochissimo, sui media, solo un paio di dibattiti su La7. Quasi sempre unilaterali e senza contraddittorio, le dichiarazioni e i commenti, sporadici, di alcuni magistrati e giornalisti.

In prevalenza, i pareri sentiti mediaticamente di più sono stati quelli di Davigo, Gratteri, Di Matteo e Travaglio. Chirurgici i silenzi di Letta e Conte. Le voci poco sentite sono state quelle favorevoli: una su tutte, Gian Domenico Caiazza, dell’Unione delle Camere Penali. Passate sotto silenzio da giornali e tv molte dichiarazioni di leader politici favorevoli come Emma Bonino ed Enzo Maraio.

Più critiche che divulgazione, insomma, anche dall’informazione stessa. Secondo alcune stime, pare che oltre sette italiani su dieci non sappia che si vota un referendum. Otto su dieci, addirittura, non saprebbero quali siano i quesiti referendari che si voteranno.

Ti consigliamo come approfondimento – Giustizia penale, il consiglio dei ministri vara la riforma 

Referendum giustizia: i cinque quesiti del 12 giugno

antonio branni, referendum giustiziaMa su che cosa si vota nello specifico nel referendum giustizia? Cinque sono i quesiti ammessi dalla Corte. Uno dei cinque interviene a limitare la cosiddetta custodia cautelare. Questo strumento è stato, secondo i promotori, abusato da larga parte della magistratura. Esempi clamorosi sono stati decine e decine di custodie cautelari in carcere respinte o revocate perché palesemente abusate. Ciò accompagnato a lunghi periodi di custodia cautelare cui sono seguite sentenze di assoluzione piena. Danneggiando irrimediabilmente, peraltro, la reputazione della persona e causando importanti esborsi da parte dello stato per indennizzi.

L’abolizione del decreto Severino è il nodo principale. L’incandidabilità dei cosiddetti impresentabili è un nodo molto critico. Critiche particolari sull’abuso della misura accessoria dell’interdizione ai pubblici uffici. La misura, infatti, è prevista dall’ordinamento, e dovrebbe dipendere dal singolo caso la sua applicazione. La legge Severino, invece, impone un automatismo e una perpetuità insita, limitando anche diritti in realtà comunque acquisiti.

Un quesito interviene sulla separazione delle funzioni dei magistrati, limitando in maniera severa le cosiddette porte girevoli. Anche i consigli giudiziari sono colpiti da un quesito referendario. Il referendum, infatti, agisce rendendo i membri laici determinanti per le deliberazioni dei consigli direttivi della Corte di Cassazione e degli altri Consigli giudiziari. Infine, la scelta dei membri togati del CSM viene modificata da un quesito. L’elezione, infatti, non passerà più dalle necessità delle correnti, come chiarito da Palamara nel libro intervista scritto con Alessandro Sallusti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

6 − 6 =