Referendum “No Green Pass”, partita raccolta firme per abolirlo

0
139
Protesta contro Green Pass

Referendum “No Green Pass”: è partita la raccolta firme per proporre un referendum abrogativo delle norme sul Green Pass. Il tempo stringe: occorre raccogliere almeno 500.000 firme entro il 30 settembre. La possibilità di far ricorso alla firma digitale può essere uno strumento in grado di accelerare sensibilmente le procedure.

Ti consigliamo come approfondimento – Green pass, De Luca: “Tamponi gratuiti per chi non si vaccina è una follia”

Referendum No Green Pass: chi sono i promotori

No green pass Campania, No Green PassIl sito del Comitato che ha dato il via all’iniziativa, riporta i nomi sia dei promotori che dei garanti della stessa. Tra i primi troviamo:

  • L’avv. Olga Milanese del Foro di Salerno;
  • Il prof. Luca Marini, docente di Diritto internazionale alla Sapienza di Roma, già vice presidente del Comitato Nazionale per la Bioetica;
  • Il prof. Francesco Benozzo, docente di Filologia romanza all’Università di Bologna e responsabile scientifico di centri di ricerca internazionali di antropologia, linguistica e consapevolezza civica.

Del Comitato dei Garanti fanno invece parte:

  • Il prof. Paolo Sceusa, presidente emerito di sezione della Corte di Cassazione e fondatore della Scuola superiore di diritto e protezione dei minori;
  • Il prof. Ugo Mattei, docente di Diritto civile all’Università di Torino;
  • Il dott. Carlo Freccero, giornalista, già consigliere di amministrazione della RAI;
  • Il prof. Alberto Contri, ex presidente della Fondazione Pubblicità Progresso e docente di Comunicazione sociale.
Ti consigliamo come approfondimento – Vaccini, quale protegge più a lungo? I risultati dei primi studi

Referendum: cosa chiedono i promotori?

autostradeLa proposta di una raccolta firme per un referendum abrogativo delle norme relative al Green Pass è stata messa in atto dopo l’estensione dell’utilizzo del documento prevista dal Governo Draghi nei giorni scorsi.

Si tratta di un provvedimento che, secondo il Comitato proponente, escluderebbe i cittadini che non vogliono vaccinarsi dalla vita sociale ed economica del Paese. L’estensione dell’utilizzo del Green Pass “costringerebbe”, dunque, le persone a vaccinarsi. Il che, sempre secondo il Comitato, aggirerebbe il divieto previsto dall’art. 32 della Costituzione Italiana, secondo il quale “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario obbligatorio se non per disposizione di legge”. I promotori sostengono la natura discriminatoria del documento, che creerebbe una profonda divisione sociale, instillando odio e creando fazioni. Tutte azioni in antitesi con i principi fondamentali della nostra Costituzione.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccini Covid e aumento decessi anomali nel 2021. Nessuna correlazione?

Referendum “No Green Pass”: la procedura per firmare

referendum elezioni election day Ciro campana Autonomia election day, No Green PassSul sito del Comitato viene esplicitata la procedura per firmare – sia fisicamente che in modalità digitale – per i quesiti referendari proposti.

La firma digitale è uno strumento utilizzabile dal luglio scorso, che permette di rendere più veloce e pratica la raccolta delle firme. Fatto ciò, toccherà alla Corte Costituzionale stabilirne l’ammissibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 + 13 =