Regione Campania: 15 milioni di euro per gli operatori dello spettacolo

0
246
Regione Campania

La Regione Campania ha stanziato 15 milioni di euro per tutti i lavoratori dello spettacolo. Tanti, infatti, sono i settori letteralmente in ginocchio a causa delle restrizioni governative per evitare i contagi da Covid-19. Alcuni avevano ripreso vita nel periodo estivo, mentre altri si stavano debolmente riprendendo con l’autunno. Ci sono anche attività che non sono ripartite o per le quali la ripresa è stata talmente debole da non potersi ritenere tale. Questo è senza dubbio il caso del mondo della cultura e dello spettacolo. Di seguito, maggiori informazioni sui nuovi contributi economici a sostegno dei lavoratori di questa categoria.

Ti consigliamo come approfondimento – De Luca: “Covid-19 è indispensabile il lockdown”. Campania chiusa!

Regione Campania: l’annuncio del Presidente Vincenzo De Luca

Regione Campania
Dalla Pagina Facebook del Presidente Vincenzo De Luca

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha annunciato il bando attraverso un messaggio pubblicato sulla sua pagina Facebook ufficiale.

“La Regione Campania stanzia 15 milioni di euro per gli operatori dello spettacolo. Incrementato da 10 a 15 milioni il finanziamento destinato a contributi per gli Enti dello spettacolo. Parte un nuovo bando per un contributo di 1000 euro ad attori, tecnici operatori del mondo dello spettacolo, dal cinema al teatro alle attività culturali, particolarmente colpito dalla crisi in questi mesi. Altri fondi per 2 milioni saranno destinati a questo settore”.

Ti consigliamo come approfondimento – Flash mob dei commercianti a Pomigliano d’Arco: “Una protesta silenziosa”

Spettacolo: un mondo in crisi

Regione CampaniaIl mondo dello spettacolo oggi è in seria difficoltà. In realtà, si tratta di un settore già da tempo ferito dalla precarietà e dalla mancanza di tutele. Tuttavia, l’attuale situazione d’emergenza da Coronavirus ha amplificato le criticità esistenti. Inoltre, si è aggiunta l’impossibilità di lavorare per tutti gli operatori dello spettacolo, dagli artisti alle maestranze.

Il primo lockdown è stato davvero un duro colpo per la categoria. Nonostante la possibilità di ripartire il 15 giugno 2020, molti teatri non sono riusciti a rialzare i loro sipari e molti eventi e manifestazioni sono stati rimandati. Tante sono le proteste in ogni parte d’Italia. Attori, cantanti, tecnici, truccatori, scenografi e costumisti hanno cominciato a far sentire la propria voce. Protestano per rendere noto che dietro la magia dello spettacolo ci sono lavoratori con diritti e famiglie con necessità.

Ti consigliamo come approfondimento – Lockdown a Natale: Conte non esclude una nuova chiusura

Nuova chiusura per cinema e teatri e il Decreto Ristori

Regione CampaniaCon il nuovo DPCM del 24 ottobre 2020, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato nuovamente la chiusura di numerose attività, tra cui cinema e teatri. Questo ha gettato nel più completo sconforto tutti coloro che ancora non sono riusciti a lasciarsi alle spalle i disagi della prima chiusura.

Tuttavia, il già annunciato “Decreto Ristori” dà nuove speranze. Si tratta, infatti, di ben 5 miliardi di euro stanziati per le categorie penalizzate, dai ristoranti ai teatri. In particolare, per cinema, teatri, ristoranti, palestre, piscine sono previsti indennizzi del 200% rispetto a maggio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here