In Campania riaprono i musei: ingressi gratis per due settimane

0
375
Riapertura musei Campania
Dai profili Facebook ufficiali

Riapertura musei Campania – A partire da lunedì 18 gennaio 2021, in Campania sono riaperti tutti i musei. Per quanto riguarda l’entrata, ci sono delle novità importanti. Grazie a una nuova iniziativa, sarà possibile visitare gratuitamente alcuni dei principali poli museali campani. Il progetto è nato per fare un “piccolo dono” ai cittadini a seguito delle restrizioni imposte dal Covid 19.

Ti consigliamo come approfondimento – Procida Capitale Europea Cultura 2022. Ma ci sono già i primi “rosiconi”

Riapertura musei Campania: l’iniziativa

Riapertura musei Campania
Dal profilo Facebook ufficiale del MiBACT

Con la “riapertura musei Campania”, l’insieme di mostre ed esposizioni della regione ritorna al suo grande vigore. A partire da lunedì 18 gennaio 2021, in tutti i musei campani l’entrata sarà gratuita. L’iniziativa è stata promossa dalla direttrice dei musei della Campania, Marta Ragozzino, e dal direttore generale Massimo Osanna. L’obiettivo è quello di riavvicinare i cittadini alla cultura durante la pandemia. “L’idea è quella di fare un piccolo dono ai concittadini, permettendo loro l’accesso gratuito nei musei che riaprono le loro porte in massima sicurezza. Con visite contingentate, distanziate, naturalmente con obbligo di mascherina”. Così ha dichiarato Marta Ragozzino tramite la pagina Facebook ufficiale della Direzione regionale Musei Campania.

Ti consigliamo come approfondimento – Stephen King Scampia: da Napoli agli USA, la cultura dice “NO” alle armi

Quali sono i musei aperti gratuitamente?

Riapertura musei Campania
Dal profilo Facebook ufficiale del Museo Archeologico di Eboli

Al progetto “riapertura musei Campania” prende parte un numero esiguo di musei della regione. Questi i musei aderenti all’iniziativa:

  • Napoli: Castel Sant’Elmo, Certosa e Museo di San Martino, Museo Diego Aragona Pignatelli;
  • Capri: la Certosa di San Giacomo;
  • Santa Maria Capua Vetere: il Museo Archeologico dell’antica Capua e all’Anfiteatro Campano;
  • Pontecagnano: il Museo Archeologico Nazionale;
  • Padula: la Certosa di San Lorenzo;
  • Benevento: Teatro Romano.

Tutti i musei e i siti archeologici della Campania, sia gratuiti che a pagamento, saranno aperti al pubblico dal lunedì al venerdì. Resteranno chiusi nei weekend e nei giorni festivi, secondo le disposizioni del Dpcm del 14 gennaio. Per le modalità dell’acquisto dei biglietti, esclusivamente online o tramite app, è possibile consultare il sito istituzionale (qui) o quello del MiBACT (qui).

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, ritrovato il Salvator Mundi rubato da San Domenico Maggiore

Riapertura musei Campania: novità dagli altri poli partenopei

Riapertura musei Campania
Dal profilo Facebook ufficiale del Museo di Capodimonte

Riapertura musei Campania – Con l’entrata della Campania in zona gialla, dal 18 gennaio hanno riaperto tutti i poli museali della regione. Varie sono state le iniziative promosse per riavvicinare i cittadini alla cultura.

A Pompei, i visitatori potranno seguire i percorsi grazie a un’applicazione. Si potranno visitare le principali domus, il foro, le terme Stabiane, la casa di Leda e il cigno. Il direttore del Museo di Capodimonte, Sylvian Bellenger, ha voluto “lanciare un piccolo segnale per ripartire insieme”: ed ecco che ogni coppia pagherà un solo biglietto. Saranno presenti mostre su Francesco Jacovacci e la pittura dell’800, Luca Giordano e Santiago Calatrava.

Il Palazzo Reale di Napoli, invece, riapre al pubblico con una nuova illuminazione delle sale. Saranno introdotte anche visite guidate per le famiglie, condotte dal direttore Mario Epifani. Il MANN, dal suo canto, riapre con una nuova mostra. Si tratta di “Lucy – Sogno di una Evoluzione”, firmata dal fumettista Tanino Liberatore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 1 =