Via libera del Cts alla riapertura delle discoteche in zona bianca

0
212
Riaperture discoteche zona bianca

Riaperture discoteche zona bianca: arriva il via libera da parte del Comitato tecnico-scientifico. Non è arrivata però la data di queste riaperture, probabilmente il 3 o il 10 luglio. L’ingresso sarà consentito solo in possesso del Green Pass.

Ti consigliamo come approfondimento-Covid, la variante Delta non si ferma: ecco le novità

Riaperture discoteche zona bianca: via libera del Cts

zona biancaIl Comitato tecnico-scientifico comunica il via libera alla riapertura delle discoteche. I locali saranno riaperti in zona bianca e sarà consentito ballare solo all’aperto. Le date possibili della riapertura, su cui si esprimerà il Governo, sono il 3 o il 10 luglio. Sarà possibile l’ingresso nelle discoteche ai possessori del Green Pass. Il Cts riporta in un comunicato: “L’apertura delle discoteche, può essere considerata laddove i protocolli prevedano che le attività siano limitate ai contesti che possano garantire lo svolgimento esclusivamente all’aperto l’ingresso sia essere limitato ai possessori di un certificato verde valido che non può essere sostituita da autocertificazione; l’affollamento non possa superare il 50% della capienza massima ivi incluso il personale di servizio e dipendente; chiunque abbia una temperatura superiore a 37,5 o sintomatologia compatibile con Covid-19 eviti di accedere; sia garantita la tracciabilità degli utenti presenti”.

Ti consigliamo come approfondimento-De Luca riparte con le restrizioni: mascherina obbligatoria e alcolici vietati

Riaperture discoteche zona bianca: rischio contagio

Riaperture discoteche zona biancaIl Cts ha raccomandato che le Autorità Sanitarie e le altre istituzioni siano coinvolte nel rispetto dei protocolli di prevenzione. Inoltre, il Cts sostiene che le discoteche siano note come luoghi a maggior rischio di trasmissione. Infine, il Comitato tecnico scientifico ha evidenziato che la clientela è in gran parte appartenente alla fascia dei più giovani. La fascia in questione è allo stato attuale quella con le coperture vaccinali più basse se si considerano entrambi le dosi. Inoltre, è stato evidenziato che i più giovani sono i soggetti più suscettibili alla diffusione della variante Delta. Ossia la variante che presenta la maggior capacità infettiva rispetto alle varianti in circolazione. Inoltre, sarà anche necessario mantenere il distanziamento sociale e continuare ad utilizzare dispositivi di sicurezza al chiuso.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × cinque =