Richard Gere contro Salvini: l’attore testimonierà contro il leader della Lega il nel processo Open Arms

0
70
richard gere contro salvini
dalla pagina facebook di Matteo Salvini e dal profilo ig di richard.gere.fanpage

Richard Gere contro Salvini – Continua la vicenda Open Arms che coinvolge il leader della Lega Matteo Salvini. Questa volta nel processo sarà coinvolto anche il divo hollywoodiano Richard Gere. L’attore testimonierà contro Salvini il prossimo 23 ottobre a Palermo.

Ti consigliamo questo approfondimento – Salvini, buona la prima: il leader della Lega salvato dal processo

Richard Gere contro Salvini: le parole del leader della Lega

salvini natale italia nuovo decreto coprifuoco, richard gere contro salvini
Matteo Salvini, dai suoi profili social

A rivelare il coinvolgimento di Richard Gere come testimone nel processo Open Arms è stato lo stesso Matteo Salvini. Il leader della Lega, infatti, durante un incontro elettorale ad Assisi, ha rivelato il fatto dicendo: “Lo conosco come attore, ma non capisco che tipo di lezione possa venire a dare a me, all’Italiane agli italiani sulle nostre regole e le nostre leggi…Se qualcuno pensa di trasformare il processo in uno spettacolo e vuole vedersi Richard Gere va al cinema, non in tribunale…Gli chiederò un autografo da portare alla mia mamma. Vorrei però sapere – ha aggiunto – quanto costerà ai contribuenti italiani questa roba qua, che non sarebbe possibile in nessun altro Paese”. Matteo Salvini ha poi detto che vorrebbe sentire invece Conte, Di Maio e Toninelli per capire se in quel momento avessero capito cosa stavano firmando.

Ti consigliamo questo approfondimento – Open Arms, Salvini è stato rinviato a giudizio: “Ho solo difeso la mia Patria”

Richard Gere contro Salvini: la vicenda Open Arms

salvini silvia romano Coronavirus, richard gere contro salvini
Dalla pagina Facebook di Matteo Salvini

I fatti contestati, che hanno coinvolto la nave Open Arms, risalgono all’agosto 2019. Open Arms è il nome della nave spagnola Ong con a bordo 150 migranti. Il caso ha inizio quando l’allora ministro degli Interni – Matteo Salvini – negò a quest’ultima l’approdo e lo sbarco dei migranti a Lampedusa, finito poi con il famoso approdo della nave e con l’arresto del capitano Carola Rackete, poi rilasciata. Tra le persone a bordo c’erano anche minori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × quattro =