Rider rapinato a Napoli: proposta di scarcerazione per 5 ragazzi su 6

0
314
Rider Napoli scarcerazione

Rider Napoli scarcerazione – cinque dei sei ragazzi arrestati per l’aggressione al Rider Giovanni Lanciato, hanno avanzato una proposta di scarcerazione. L’istanza è stata presentata al Tribunale del Riesame e l’udienza potrebbe essere fissata tra lunedì e martedì. Oggi, 13 gennaio, ci sarà l’appello del sesto ragazzo arrestato.

Ti consigliamo come approfondimento – Gianni, il rider rapinato a Napoli indigna i social per il rifiuto di 4 lavori

Rider Napoli scarcerazione: l’istanza avanzata dai ragazzi

Rider Napoli scarcerazione
Gianni, il rider di Napoli, fonte: ansa.it

Rider Napoli scarcerazione – Dopo l’arresto per i reati commessi nella notte tra il 1° e il 2 gennaio, cinque ragazzi hanno presentato istanza di scarcerazione. Il crimine contestato riguarda il video registrato da un’abitazione in via Calata Capodichino, a Napoli. Nelle scene sono immortalati sei ragazzi nell’intento di derubare il rider Giovanni Lanciato. Dopo averlo pestato, uno di loro lo trascina a terra mentre gli altri entrano in possesso dell’SH. Subito dopo, tutti scappano via.

La domanda è stata avanzata presso il Tribunale del Riesame. Le proposte riguardano la revoca della misura cautelare emessa dall’autorità giudiziaria. I legali dei detenuti potrebbero essere convocati in udienza tra lunedì e martedì per poter avanzare la richiesta. Per oggi, 13 gennaio, è in programma l’appello per il sesto ragazzo, secondo maggiorenne della gang.

Ti consigliamo come approfondimento – Rider Napoli, Gofoundme blocca la raccolta fondi per accertamenti

Rider Napoli scarcerazione: l’accusa e la difesa

Rider Napoli scarcerazioneRider Napoli scarcerazione – Il video che ritraeva l’aggressione è stato diffuso il giorno successivo e subito è diventato virale. Così, i sei ragazzi sono stati riconosciuti e fermati in poco tempo. La gang era composta da 2 sedicenni, 2 diciasettenni, un diciannovenne e un ventenne. Hanno confessato e sono stati accusati di concorso in rapina con aggravante di crudeltà. Per quanto riguarda i minorenni, sono in custodia cautelare presso l’istituto penale minorile. A difenderli, sono gli avvocati Caterina Sanfilippo, Raffaele Pottieri, Luca Mottola e Carlo Ercolini. Diego Abate, invece, è il legale del primo ragazzo maggiorenne. Proprio loro, potranno essere convocati all’inizio della prossima settimana per presentare istanza. L’obiettivo è far cadere l’accusa di crudeltà. Per il sesto ragazzo, ovvero il secondo maggiorenne, oggi si terrà l’udienza d’appello.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro + 5 =