Mezzi di trasporto gratis per chi arriva dall’Ucraina: oggi firmata l’ordinanza

0
251
rifugiati ucraini trasporti italia

Rifugiati ucraini trasporti Italia: è arrivata oggi la nuova sentenza della Protezione Civile. L’ordinanza, riportata di seguito, sancisce che i profughi del Paese in guerra potranno usufruire dei mezzi di trasporto italiani senza pagare. Entro, però, un limite massimo di tempo.

Ti consigliamo come approfondimento – Caro carburanti, arriva la decisione della Procura: aperta indagine sull’aumento dei prezzi!

Rifugiati ucraini trasporti Italia: l’ordinanza firmata dalla Protezione Civile

rifugiati ucraini trasporti italia
Fonte: dal profilo Twitter ufficiale della Protezione Civile

Poche ore fa è stata firmata un’ordinanza (è possibile leggerla qui) messa a punto dalla Protezione Civile in favore dei rifugiati ucraini. Si tratta di una normativa riguardante tutti i mezzi di trasporto italiani. La gente proveniente dal Paese in guerra potrà viaggiare gratuitamente entro cinque giorni dall’ingresso in Italia. Questo limite di tempo permetterà a tutti i profughi di raggiungere luoghi di accoglienza o altre destinazioni in generale. “La fattiva collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Trenitalia e Aiscat ha portato a questa importante misura. Rappresenta un ulteriore tassello nel piano di accoglienza della popolazione in fuga dalla guerra. Siamo di fronte a uno scenario delicato e complesso che il nostro Paese deve affrontare in modo sinergico.” Questa la dichiarazione di Fabrizio Curcio, Capo del Dipartimento della Protezione Civile.

Ti consigliamo come approfondimento – Leader ceceno alleato di Putin arrivato a Kiev: “Arrendetevi o vi finiamo”

Rifugiati ucraini trasporti Italia, ma viaggia anche il Coronavirus

Anniversario coronavirus profezia Bill GatesMa in mezzo alla polvere, la neve, le bombe e la disperazione, aleggia un altro nemico. Stavolta è invisibile, eppure è stato sotto i riflettori mondiali per due lunghissimi anni. Si tratta del Covid-19 e tutte le sue varianti. Alcuni dei rifugiati ucraini arrivati in Italia sono risultati positivi ai tamponi molecolari. Per riportare un esempio. La scorsa settimana dieci persone in fuga, sette donne e tre bambini, sono state accolte in un’ex struttura per anziani a Portici. Insieme a tutti coloro che, malauguratamente, si sono beccati il malanno, dovranno rimanere lì fino alla guarigione. Il responsabile dell’accoglienza ha assicurato che non mancherà pronta assistenza.

Ti consigliamo come approfondimento – Ucraina, bambini alla ricerca di una nuova casa: ecco come adottarli

Assistenza per i rifugiati ucraini: come ospitare chi ne ha più bisogno

Associazioni umanitarie, Croce Rossa, diocesi ed enti comunali si stanno impegnando nell’accoglienza dei profughi ucraini. In particolar modo donne e bambini, che rappresentano la più grande fetta di popolazione che ha abbandonato l’Ucraina. Tutti coloro che si sentono disposti a ospitare qualcuno possono inviare la propria proposta presso i siti delle organizzazioni. Un esempio è Conadi (Consiglio Nazionale Diritti Infanzia e Adolescenza Onlus), che permette di accogliere in casa bambini. Ma attenzione: si tratta di un affidamento temporaneo, non di una vera e propria adozione! Conadi richiede la compilazione di un apposito modulo (reperibile sul proprio sito web) con:

  • Nome, cognome, residenza, numero di telefono;
  • Numero di bambini ospitabili (da uno a intero nucleo familiare) ed età;
  • Se in casa vi è la presenza di altri minori o anziani o animali;
  • Per quanto tempo è possibile ospitarli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × tre =