Matrimoni 2021, ripartenza a maggio? Confesercenti: “Il tempo è scaduto”

0
1117
Protocollo ripartenza matrimoni

Ripartenza matrimoni 2021: secondo il responsabile wedding e cerimonia di Confesercenti, Luigi Auletta, è stato commesso “un gravissimo errore”. Per il presidente della Maison Impero Couture, le associazioni di categoria hanno contribuito al disastro economico del settore. La richiesta al Governo è quella di affermare l’inserimento dei ricevimenti matrimoniali nella stessa categoria dei ristoranti. In questo modo, le feste per gli sposi potrebbero ripartire di pari passo con l’apertura della ristorazione.

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi, zone colorate anche in estate: Italia bloccata per tutta la stagione?

Ripartenza matrimoni 2021: il punto della situazione

Ripartenza matrimoni 2021Ripartenza matrimoni 2021 – Quello del wedding è un settore completamente in ginocchio. Per tutti gli sposi italiani, le nozze sono ferme da ottobre. Tante coppie, a partire dalla primavera 2020, hanno cominciato a rinviare il loro giorno speciale. La speranza era quella di sposarsi in tempi migliori, ma così non è stato. Quest’anno, infatti, l’intera filiera dei matrimoni ha registrato un calo di fatturato del 90%. Tanti promessi sposi, specialmente dei mesi invernali e primaverili, hanno visto ancora una volta crollare il proprio sogno. Tuttavia le ultime notizie sulle riaperture hanno portato una ventata di ottimismo. Dal 26 aprile, infatti, in Italia riprenderà buona parte delle attività, specialmente quelle ristorative. E sulle ultime dichiarazioni di Draghi, in merito, si è espressa Confesercenti.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, flop rientro scuole. Studenti protestano: “Inutile e rischioso ora”

Ripartenza matrimoni 2021: “Un errore gravissimo”

Ripartenza matrimoni 2021Ripartenza matrimoni 2021: su questo argomento si è espresso Luigi Auletta, responsabile wedding e cerimonia di Confesercenti. In un’intervista rilasciata a “Il Mattino”, ha dichiarato che il Governo, in materia di riaperture, ha commesso un imperdonabile errore. E questo sbaglio, stando alle sue parole, sembra andare avanti indisturbato dal mese di ottobre. “È stato commesso un gravissimo errore a discapito del comparto wedding. Ovvero, essere stato classificato come evento piuttosto che come ricevimento. Sia nel Dpcm di ottobre 2020 che in quello di gennaio 2021, il ricevimento nuziale viene erroneamente inserito nella categoria ‘eventi e catering’. Così ha dichiarato il responsabile, che è anche presidente della Maison Impero Couture, azienda di abiti da cerimonia.

Ripartenza matrimoni 2021: attenzione ai codici Ateco

Ripartenza matrimoni 2021Ripartenza matrimoni 2021? Secondo Luigi Auletta, il Governo e le associazioni di categoria sono gli artefici della crisi di settore. Tutto risiede nella confusione creata sui codici Ateco, cioè i codici che identificano le categorie lavorative.

Il codice Ateco di tutta la ristorazione, sia alla carta, detta ‘spicciolata’, che quella dei ricevimenti è il 56.10.11, “somministrazione di alimenti e bevande”. Bastava confrontarsi con le associazioni di categoria per non commettere un disastro economico senza precedenti. Ribadisco, non si può paragonare un semplice ricevimento nuziale, a situazioni come concerti, festival, fiere e discoteche. Sarebbe bastato semplicemente dividere il ricevimento dalle attività tipo ballo e musica di gruppo. Adesso chi pagherà questi danni irreparabili?”, si chiede il responsabile Confesercenti.

Mancate nozze significa non creare famiglie e negare nuove nascite, restando fermi senza prospettive e condannando tante attività con perdite di personale specializzato” ha sentenziato.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, feste “abusive” nei locali. I carabinieri multano 60 persone

Ripartenza matrimoni 2021: la richiesta urgente al Governo

Ripartenza matrimoni 2021Ripartenza matrimoni 2021. “Il ricevimento nuziale all’intero di un ristorante è addirittura più sicuro di quello che avviene nei ristoranti alla carta”. È questo il monito lanciato da Auletta. Per questo motivo, la sua richiesta è quella di catalogare i ricevimenti matrimoniali con gli stessi codici dei ristoranti alla carta.

Chiediamo al Governo di essere inseriti urgentemente nella stessa categoria. E di autorizzare, o vietare, le attività di intrattenimento musicale e balli in voce separata. Di riprendere con i ricevimenti appena saremo in zona arancione. E di applicare il superamento del coprifuoco per giusta motivazione”, ha asserito.

Infine, è arrivata la supplica più importante. “Alle porte del nuovo DL ripartenza, il Governo deve urgentemente comunicare la data di riapertura ai ricevimenti. (…) Oggi tutti noi siamo informati e consapevoli delle regole da rispettare in prevenzione al Covid. Ed è nostra responsabilità applicarle. Adesso bisogna ripartire subito: il tempo è scaduto” ha concluso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dodici + tre =