Napoli, violenta rissa: ragazzo ferito alla testa con bottiglia. Il video choc

0
227
rissa centro storico

Rissa centro storico, l’ennesima violenza che si consuma tra i giovani nel centro di Napoli. Un video della violenta è stato pubblicato sui social. Uno dei ragazzi protagonisti delle scontro è stato colpito alla testa con una bottiglia di vetro mentre si stava allontanando dalla calca.

Ti suggeriamo come approfondimento – Giugliano: Maxi rissa al party abusivo in un lido. I video postati sui social

Rissa centro storico: il video sui social 

Vino, rissa centro storico Nel video vengono ripresi gli ultimi attimi che precedono la violenza fisica. Ci troviamo a Largo San Giovanni Maggiore, in quella che viene denominata come “piazzetta orientale”. Uno dei principali luoghi di movida tra i giovani. Non si conoscono le dinamiche precise del litigio, ma possono essere intuite dagli insulti concitati che sono stati registrati. Due i protagonisti principale del litigio. Si sente uno dei ragazzi urlare di “imparare a comportarsi bene. Di stare al proprio posto”. Il secondo giovane a cui viene indirizzato l’avvertimento viene tirato di forza da un suo coetaneo, che tenta invano di sedare la lite. Mentre i due ragazzi cercano di allontanarsi dalla calca che si è formata e sono di spalle, uno dei due viene colpito alla testa con una bottiglia di vetro. Si sente distintamente il rumore della bottiglia di birra andare in frantumi e le urla di sorpresa dei presenti. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli: rissa durante il funerale al rione Sanità. Il video postato sui social!

Rissa centro storico: la proposta di Borrelli 

rapina Boscoreale ottico, rissa centro storico
Francesco Emilio Borrelli,
fonte: francescoemilioborrelli.eu

Non si tratta della prima rissa che si scatena per la vie della città metropolitana. Episodi di violenza gratuita sono stati già in passato ripresi e pubblicati sui social, scatenando non poche polemiche. Tra queste quelle del consigliere regionale Francesco Borrelli, che nel suo post oltre alla denuncia avanza anche una proposta. “In molte aree la movida genera più momenti di violenza e paura che svago, divertimento e socialità. Va preso atto di questo. Ieri abbiamo lanciato provocatoriamente una proposta, che rilanciamo. Il DAMO( Divieto di Accedere alla Movida) una sorta di DASPO per violenti dagli eventi pubblici, dai locali e dalle piazze.” Un tentativo quindi di divieto d’accesso alle zone di movida per chi è stato schedato come individuo violento. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

nove − 2 =