Napoli, maxi rissa tra ragazzi alla metro Materdei. Tutti senza mascherina

0
219
Rissa Materdei

Rissa Materdei: è avvenuta nello scorse ore sotto l’impotenza dei residenti. Una violenza tra giovanissimi in piena zona rossa davanti alla metro Materdei. Un video girato dal balcone di un abitazione mostra il degrado che i residenti della zona denunciano ormai da tempo. 

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi durissimo su Erdogan: “È un dittatore”. Turchia furiosa, è scontro

Rissa Materdei: l’assembramento e poi la rissa

rissa Materdei Dal video divulgato sui social si vede come prima dell’inizio della rissa ci fossero diversi gruppi di ragazzi in motorino che si assembravano in barba alle regole imposte dalla zona rossa. Il principio dello scontro inizia in un gruppo di 10 ragazzini. Ben presto se ne aggiungono velocemente altri. La violenza si è consumata in pieno giorno. Sulla strada erano presenti anche anziani e genitori con bambini che si sono ritrovati inconsapevolmente al centro delle violenze. Il fautore del video cerca inutilmente dal balcone di calmare la situazione. “Nessuno fa niente. Vi rendete conto?” 

Ti consigliamo come approfondimento – Padre lancia figlia di 16 mesi dal balcone: condannato a 24 anni di carcere

Rissa Materdei: una storia che si ripete

rissa Materdei L’accaduto purtroppo non sorprende i residente della zona. Diversi sono stati gli appelli alla situazione di degrado. Il presidente dell’associazione Giovani Promesse, Salvatore Paternoster commenta il video su Facebook. “Le immagini parlano da sole. Violenza gratuita senza controllo. Scene del genere non fanno altro che farci riflettere su quanto il problema del recupero sociale dei giovani e la loro inclusione sia fondamentale.” Denunciare e reprimere tali eventi non basta. La parola d’ordine per Paternoster è prevenzione. “Sono anni che ci battiamo per questo. Specialmente in questa Piazza. Stiamo portando avanti anche una raccolta firme per l’installazione dei paletti di recinzione che limiterebbero la frequenza delle scorribande di motorini. La nostra amministrazione, intanto, continua a rimanere inerme davanti a tutto ciò, eludendo il problema o ritenendolo di secondo piano.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici + 7 =